Vivo col Diabete

Le palle del diabete

Adv

Skeleton

Naturalmente all’epoca non c’era distinzione eziologica tra diabete tipo 1 e 2, cosa emersa successivamente a cominciare dalla fine degli anni 70 in particolare. Ma dal regime alimentare qualcosa si cominciava a capire. Nel caso del diabetico 1 o ex giovanile l’equilibrio alimentare è importante per la sua salute in generale e un migliore assetto glicemico in rapporto al consumo d’energia, ma detto ciò non ha limitazioni di sorta o una lista nera dei cibi, basta che tenga sotto controllo la malattia e può mangiare anche i datteri.

Invece dalla preistoria alimentare del tipo 2 fatta di cibi “spazzatura” accumulati nel tempo, come con quanto descritto poc’anzi, e col combinato disposto dell’allungamento della vita ma anche dell’inattività fisica, ha fatto emergere tutta una serie di patologie da inerzia strutturale tra cui il diabete.

Ed oggi facciamo i conti con una esplosione demografica di malattie, diabete per primo, che mette a repentaglio la garanzia della continuità dell’assistenza sanitaria di base. Senza usare paroloni e frasi fumose o ad effetto, ognuno di noi un’idea l’ha già nell’esatto momento in cui si reca dal medico di base, e non entro nei particolari tanto sarebbe inutile.

Il vero problema, sia con il diabete che nell’insieme del sistema sanitario pubblico è rappresentato dalla complicazione delle cose semplici che spegne l’ultima fiammella accesa della forza di volontà per farsi vedere e curare.

Anziché fare piani faraonici di improbabile esecuzione e realizzazione è urgente adottare misure concrete per snellire i metodi e le procedure, gli strumenti materiali per farlo ci sono da tempo, il vero muro da abbattere è rappresentato dal labirintico diaframma di poteri corporativi e rendite di posizione che rende arduo ma non impossibile il cambiamento.

Infine per quanto riguarda la conduzione personale del diabete, tirando la somma dei dati della glicemia, la media è stata pari a 162 mg/dl. Avanti così!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: