Ricerca

Diabete tipo 1: ci dirigiamo in Alabama?

Adv

Verapamil

Il processo, noto come “il riutilizzo dei verapamil nella terapia per la sopravvivenza delle cellule beta nel diabete di tipo 1,” è programmato per iniziare all’inizio del prossimo anno ed è giunto a compimento dopo più di un decennio di sforzi di ricerca nel Comprehensive Diabetes Center di UAB.

Il processo metterà alla prova un approccio diverso da qualsiasi trattamento del diabete in corso, concentrandosi sulla promozione delle cellule specializzate nel pancreas, chiamate cellule beta, che producono l’insulina di cui il corpo ha bisogno per controllare lo zucchero nel sangue. Gli scienziati UAB hanno dimostrato in anni di ricerca che la glicemia alta induce il corpo a produrre in eccesso una proteina chiamata TXNIP, che è aumentata all’interno delle cellule beta in risposta al diabete, ma non era mai stato in precedenza conosciuta la sua importanza per essere importante per la biologia delle cellule beta. Troppo TXNIP nelle cellule beta del pancreas porta alla loro morte e vanifica gli sforzi del corpo di produrre insulina, contribuendo in tal modo alla progressione del diabete.

Ma gli scienziati UAB hanno inoltre portato alla luce che il verapamil, che è ampiamente usato per il trattamento della pressione alta nel sangue, battito cardiaco irregolare e l’emicrania, è altresì in grado di abbassare i livelli di TXNIP in queste cellule beta, al punto che, quando i modelli di topo con diabete e livelli della glicemia  superiori a 300 mg/dl una volta trattati con il verapamil hanno visto la malattia eradicata.

“Abbiamo già dimostrato che il verapamil può prevenire il diabete e anche invertire la malattia in modelli murini e ridurre TXNIP in cellule isolotto beta umane, suggerendo che essa può avere così effetti benefici negli esseri umani”, ha dichiarato Anat Shalev, MD, direttore del Comprehensive della UAB Diabetes Center e ricercatore principale nella sperimentazione clinica verapamil. “Questo è un proof-of-concept che, abbassando TXNIP, anche nel contesto di un diabete critico, abbiamo effetti benefici. E tutto questo affronta la principale causa di fondo della malattia: la perdita delle cellule-beta. I nostri tentativi di avvicinamento attuali nel indirizzare questa perdita attraverso la promozione di una propria massa di cellule beta e la produzione di insulina nel paziente non ha precedenti.

Lo studio arruolerà 52 persone di età compresa tra 19 e 45 anni con minimo tre mesi di distacco temporale dal ricevimento di una diagnosi di diabete di tipo 1. I pazienti arruolati saranno randomizzati a ricevere verapamil o un placebo per un anno, pur continuando mella loro terapia con microinfusore. Inoltre, riceveranno un sistema di monitoraggio continuo del glucosio che permetterà loro di misurare la loro glicemia 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana.

Fernando Ovalle, MD, direttore della UAB Comprehensive Diabetes Clinic e co-investigatore principale dello studio, ha contribuito a sviluppare la sperimentazione clinica e supervisionerà tutti gli aspetti clinici del trial umano, compreso il reclutamento dei soggetti, trattamento, test, e l’acquisizione e analisi dei dati. Il reclutamento per il processo avrà inizio nei primi mesi del 2015.

“Attualmente, siamo in grado di prescrivere l’insulina esterna e di altri farmaci per abbassare lo zucchero nel sangue, ma non abbiamo modo di fermare la distruzione delle cellule beta, e la malattia continua a pe”ggiorare, ha detto Ovalle. “Se verapamil funziona negli esseri umani, sarebbe uno sviluppo veramente rivoluzionario in una malattia che colpisce sempre più persone ogni anno per un costo in miliardi di dollari ogni anno.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: