Terapie

Con i medici la immunoterapia aiuta a evitare le complicanze del diabete?

Adv

Mexico

Qual è la differenza tra il trattamento del diabete sotto un regime immunitario rispetto alla terapia tradizionale? Il paziente riceve una diagnosi e attenzione sì, ma è anche controllato per un problema immunitario sistemico e quindi previene le possibili conseguenze come il piede diabetico, il glaucoma, la nefropatia e la retinopatia.

Finché il problema immunitario non è considerato, il diabete non può essere completamente controllato, perché questi pazienti presentano una immunodeficienza (diminuzione delle difese) e sono più inclini alle infezioni, dice Sigfrid Lopez, Responsabile Dipartimento Endocrinologia presso il Centro Avanzato di Immunologia nell’Ospedale Angeles di Città del Messico.

“Nel caso del diabete di tipo I, i pazienti soffrono della distruzione del pancreas o delle cellule che producono insulina, ma questo stesso paziente può avere altre malattie autoimmuni che possono influenzare altri organi. Questa è chiamata sindrome polighiandolare autoimmune, una situazione in cui il corpo attacca il pancreas, la tiroide e può sviluppare ipotiroidismo, insufficienza surrenalica, o artrite reumatoide”, ha spiegato.

Il Centro di Immunologia avanzata cerca di servire non solo i pazienti con una malattia, ma un gruppo di malattie, che può essere diagnosticato o no, e sono a rischio di sviluppare altre condizioni le quali possono essere trattate in modo olistico.

Quando il paziente vede l’endocrinologo, diabetologo, il medico si concentra solo sulla gestione dello zucchero nel sangue (glicemia); altre malattie che possono avere ripercussioni in futuro non vengono diagnosticate in tempo e vengono ignorate. Pertanto, allo scopo di attaccare diabete dal punto di vista immunologico è importante analizzare tutto il corpo e non solo quella condizione, l’endocrinologo sostiene.

Al centro, il paziente sarà valutato in maniera globale, per individuare il problema che ha causato il diabete autoimmune o ulteriori complicazioni. Se il paziente ha ulteriori ripercussioni, gli verrà dato il trattamento per prevenire lo sviluppo di altre malattie.

Oltre a ricevere una terapia specifica per il diabete, insulina o farmaci ipoglicemizzanti orali, i pazienti riceveranno immunoglobuline e immunoglobuline (anticorpi) in infusione per controllare le malattie autoimmuni. La terapia funziona sostituendo qualcosa che il corpo non produce in quantità o qualità richiesta.

Il centro controlla non solo la malattia, ma l’individuo e tutti i fattori di salute che potrebbero influenzare il paziente, tra cui il diabete e le allergie, perché questa può essere la punta dell’iceberg di una serie di problemi, e quindi può essere impedite future complicazioni, dice Lopez.

 

Fonte: Investigación y Desarrollo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: