Ricerca

A tutta birra verso il pancreas artificiale per il diabete tipo 1

theartificiaNella prima sperimentazione clinica a livello mondiale  si confrontati tre trattamenti alternativi per il diabete di tipo 1 secondo quanto emerso dai ricercatori dell’IRCM e Univeristà di Montréal in, uno studio guidato dal Dr. endocrinologo Rémi Rabasa-Lhoret. Lo studio conferma che il pancreas artificiale esterno migliora il controllo del glucosio e riduce il rischio di ipoglicemia rispetto al trattamento del diabete convenzionale. I risultati, pubblicati oggi sulla rivista scientifica The Lancet Diabetes and Endocrinology , potrebbero avere un impatto significativo sul trattamento del diabete di tipo 1, una malattia cronica che può causare la perdita della vista e  malattie cardiovascolari.

Una tecnologia emergente nel trattamento del diabete di tipo 1, il pancreas artificiale esterno è un sistema automatizzato che simula il pancreas normale, adattando continuamente la somministrazione di insulina in base alle variazioni dei livelli di glucosio. Esistono due configurazioni: il pancreas artificiale mono ormone che rilascia solo insulina e il pancreas artificiale a doppio-ormone che garantisce sia l’insulina che glucagone. Mentre l’insulina abbassa i livelli di glucosio nel sangue, il glucagone ha l’effetto opposto e aumenta i livelli di glucosio.

“Il nostro studio clinico è stato il primo a confrontare queste due configurazioni del pancreas artificiale con il trattamento del diabete convenzionale, utilizzando una pompa di insulina,” dice il Dott Rabasa-Lhoret, Direttore del Dipartimento ricerca clinica del diabete al IRCM e professore in scienze della Nutrizione all’Università degli Studi di Montreal. “Abbiamo voluto determinare l’utilità del glucagone nel pancreas artificiale, in particolare per prevenire l’ipoglicemia , che rimane il principale ostacolo al raggiungimento degli obiettivi glicemici. ”

Le persone che vivono il diabete di tipo 1 devono gestire con attenzione i loro livelli di glucosio nel sangue per essere sicuri di rimanere all’interno di un intervallo di riferimento, al fine di prevenire le complicanze gravi a lungo termine relativi ai livelli di glucosio (come la cecità o insufficienza renale) e ridurre il rischio di ipoglicemia ( un livello pericolosamente basso di glucosio nel sangue può portare a confusione, disorientamento e, se grave, perdita di coscienza, coma e convulsioni).

“Il nostro studio conferma che entrambi i sistemi di pancreas artificiale migliorano il controllo glicemico e riducono il rischio di ipoglicemia, rispetto alla terapia con pompa convenzionale “, spiega l’ingegnere Ahmad Haidar, primo autore dello studio e borsista postdottorato in unità di ricerca del Dr. Rabasa-Lhoret al IRCM. “Inoltre, abbiamo scoperto che il doppio ormone del pancreas artificiale fornisce ulteriore riduzione in ipoglicemia rispetto al sistema mono-ormonale.”

“Dato che il basso livello di glucosio nel sangue rimane molto frequente durante la notte, la paura di una grave ipoglicemia notturna è una delle principali fonti di stress e l’ansia, soprattutto per i genitori con bambini diabetici”, aggiunge il dottor Laurent Legault, endocrinologo pediatrico presso l’Ospedale dei Bambini di Montreal , e co-autore dello studio. “Il pancreas artificiale ha il potenziale per migliorare sostanzialmente la gestione del diabete e della qualità della vita per i pazienti e le loro famiglie.”

I ricercatori dell’IRCM perseguono prove cliniche sul pancreas artificiale per testare il sistema per periodi più lunghi e con coorti di pazienti più grandi. La tecnologia dovrebbe essere disponibile in commercio entro i prossimi cinque-sette anni, con le prime generazioni incentrate sul controllo del glucosio durante la notte.

Secondo la Canadian Diabetes Association, si stima che 285 milioni di persone nel mondo sono colpite da diabete, circa il 10 per cento dei quali ha il diabete di tipo 1. Con altri 7 milioni di persone lo sviluppo di diabete ogni anno, questo numero è destinato a colpire 438 milioni entro il 2030, il che rende un epidemia globale. Oggi, più di nove milioni di canadesi – o uno se quattro – vivono con il diabete o prediabete.