Vista e dintorni

Gocce neuroprotettive possono impedire lo sviluppo, la progressione della retinopatia diabetica?

Adv

Rafel Simò

“La logica del nostro approccio è che, nelle primissime fasi della Retinopatia Diabetica, la neurodegenerazione esiste ed è più evidente compromissione microvascolare precoce,” Rafael Simò, medico oftalmologo, ha detto durante una riunione scientifica sulla terapia avanzata per il trattamento della retina.

In uno studio preclinico condotto nell’ambito del Consorzio europeo per il trattamento precoce della retinopatia diabetica (EUROCONDOR), la somatostatina agente neuroprotettivo è stato in grado di raggiungere la retina attraverso la veicolazione con collirio. Uno studio clinico di 2 anni è in corso negli esseri umani.

La somatostatina è prodotta naturalmente negli occhi e si riduce notevolmente nei pazienti con diabete, secondo il Simò.

“E ‘un trattamento sostitutivo, molto naturale, che può raggiungere la retina molto facilmente”, ha detto Simò. “Potrebbe diventare un trattamento complementare alla riduzione del livello di glucosio nel sangue. Nelle prime fasi della retinopatia diabetica è inconcepibile proporre iniezioni intravitreali, perché l’acuità visiva è ancora buona.”

La ricerca cercherà inoltre di identificare quale sottogruppo di pazienti potrebbero beneficiare di una terapia neuroprotettiva, perché la neurodegenerazione non precede il danno microvascolare nelle prime fasi di della retinopatia diabetica in tutti i pazienti con diabete.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: