Ricerca Vivo col Diabete

Se prendi subito il diabete 1 per le corna poi lui non ti scorna

Adv

Astonished old grandmother lost her dentures while she try to blowing out the candles on the cake for her birthday. Image shot 2008. Exact date unknown.

“Le prospettive per le persone con diabete di tipo 1 continua a migliorare “, ha detto Catherine Cowie, Ph.D., dell’Istituto Nazionale di NIH  diabete e Apparato Digerente, Malattie renali (NIDDK), il finanziatore primario dello studio. “Questi risultati dimostrano che con il buon controllo della loro glicemia, le persone con diabete di tipo 1 possono vivere più a lungo. ”

Il diabete di tipo 1 si verifica in genere nelle persone più giovani e si chiamava diabete ad insorgenza giovanile. Nel diabete di tipo 1, l’organismo non produce insulina, e le persone con diabete di tipo 1 devono assumere insulina ogni giorno per vivere.

A partire dal 1983 lo studio DCCT / EDIC ha iscritto 1.441 persone di età compresa tra 13 e 39 con diabete di recente insorgenza di tipo 1. Nel DCCT, la metà sono stati assegnati in modo casuale a controllo intensivo della glicemia progettato per mantenere la stessa il più vicino alla normalità nel modo più sicuro possibile, e metà col trattamento convenzionale, al momento. Entrambi i gruppi erano simili per età. Il DCCT terminò nel 1993, quando è stato trovato il gruppo di controllo intensivo per puntare ad ottenere sostanzialmente meno complicanze con gli occhi, nervi e malattie renali . A tutti i partecipanti è stato insegnato il controllo intensivo della glicemia e seguiti durante il corso EDIC. Il controllo della glicemia è stata simile nei due gruppi del DCCT alla conclusione dello stesso.

I ricercatori hanno registrato 107 morti tra i partecipanti nel DCCT/EDIC, che sono stati seguiti in media  27 anni dall’ iscrizione. Ci sono stati 64 morti nel gruppo che inizialmente aveva ricevuto un trattamento standard e 43 decessi nel gruppo a trattamento intensivo, con una riduzione del 33 per cento dei decessi. Le cause più comuni di morte – non tutti necessariamente legate al diabete – erano le malattie cardiovascolari (22 per cento), il cancro (20 per cento), le complicanze acute del diabete – in cui la glicemia diventava pericolosamente alta o bassa (18 per cento) – e gli incidenti/suicidio (17 per cento).

Sempre più persone nel gruppo di trattamento convenzionale, rispetto al gruppo di intervento intensivo sono morte per nefropatia diabetica (sei contro uno). Lo studio ha anche rilevato che elevati livelli medi di glucosio nel sangue e aumento di proteine ??nelle urine – un indicatore di malattia renale diabetica – costruivano i principali fattori di rischio per la morte, dai dati emersi.

“Questi risultati si basano su studi precedenti, che hanno suggerito come l’aumento di proteine ??nelle urine spiega in gran parte le durate di vita più brevi per le persone con diabete di tipo 1”, ha detto l’autore principale dello studio, Trevor Orchard, MD, professore presso l’Università di Pittsburgh Graduate School di Salute pubblica. “Questi risultati sottolineano ulteriormente l’importanza di un buon controllo del glucosio dall’inizio, in quanto riduce il rischio di aumentare le proteine nelle urine in generale, nonché la nefropatia diabetica.”

Dalla pubblicazione dei risultati del 1993, il trattamento intensivo DCCT è diventata una pratica standard per il diabete di tipo 1. I nuovi risultati mostrano che le riduzioni dei complicanze del diabete derivanti dal controllo del glucosio stretto si traducono in durata di vita più lunga.

“Grazie ai risultati nel corso degli anni dal punto di riferimento dello studio DCCT / EDIC, milioni di persone con diabete possono prevenire o ritardare le complicanze debilitanti e spesso mortali dalla malattia”, ha detto il direttore del NIDDK Griffin P. Rodgers MD, la missione “di NIH è di aiutare a migliorare la vita attraverso la ricerca biomedica. Questi tipi di risultati forniscono prove concrete che ciò che facciamo aiuta le persone a vivere più a lungo, una vita più sana. “

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: