Ricerca

Un importante risultato della ricerca sul ruolo del microbiota nell’insorgenza del diabete tipo 1

Adv

microbiome-story-crohns-cover

I neonati geneticamente predisposti alla malattia hanno mostrato un calo di diversità microbica, con un riduzione sproporzionata nel numero di specie che supportano la salute dell’intestino, nel più grande studio longitudinale del microbioma fin qui svolto, secondo i ricercatori.

“Questo è il primo studio a dimostrare come i cambiamenti specifici nel microbioma stanno interessando la progressione sintomatica del diabete di tipo 1 ,” afferma Jessica Dunne, PhD , direttore della ricerca dal JDRF, che ha finanziato lo studio.

Aleksandar D. Kostic, PhD, dal Broad Institute del MIT e di Harvard, con Ramnik Xavier, MD, PhD, e colleghi del Massachusetts General Hospital e il gruppo di studio ha seguito DIABIMMUNE su 33 neonati, da una più ampia coorte di bambini finlandesi ed estoni, nei primi 3 anni di vita.

I ricercatori hanno valutato regolarmente la composizione del microbiota intestinale dei neonati ‘utilizzando campioni di feci. Le Traiettorie modellate hanno mostrato un sottoinsieme di relazioni microbiche condivise attraverso la maggior parte bambini.

Si è osservata una riduzione del 25% del numero di specie distinte presenti nel microbiome un anno prima della comparsa nei pochi neonati che hanno sviluppato diabete di tipo 1 durante l’arco di tempo.

Lo spostamento della popolazione microbica ha comportato una riduzione dei batteri noti per aiutare a regolare la salute nell’intestino e un aumento di batteri potenzialmente dannosi noti per favorire l’infiammazione.

“I dati di ricerca attuali suggeriscono che i cambiamenti nei microbiota intestinale precedono lo sviluppo di autoimmunità,” ha detto Dunne.

“Sappiamo da precedenti studi sull’uomo che cambia in budello la composizione batterica correlata con lo sviluppo del diabete di tipo 1, e l’interazione tra reti batteriche può essere un fattore  contribuente in alcune persone a rischio di sviluppare la malattia e altre no “, ha aggiunto.

Anche se la prova di un aumento delle malattie autoimmuni con trasferimento del microbiota è stata dimostrata in studi su animali, gli stessi sugli  umani che mostrano le associazioni sono state retrospettive e, quindi, privo di causalità.

“Questo studio è unico perché abbiamo preso una coorte di bambini ad alto rischio di sviluppare il diabete di tipo 1 e poi seguiti sui cambiamenti nel microbioma che pendere la bilancia verso la progressione della malattia”, ha detto Xavier nel comunicato.

Il rilevamento di modelli in sviluppo microbiome potrebbe avere implicazioni diagnostiche o terapeutiche, secondo i ricercatori.

Apprendendo quali specie sono assenti e fiorenti nel tratto gastrointestinale dei bambini con diabete di tipo 1 si potrebbe aiutare a rallentare la progressione della malattia dopo l’insorgenza attraverso la manipolazione del microbioma, ha affermatoXavier.

“Siamo agnostici, a questo punto sul tipo di terapia che potrebbe potenzialmente essere sviluppata”, ha detto Dunne. “Potrebbe essere un probiotico che aiuta a ripristinare l’equilibrio del microbiota intestinale o una farmaco che altera i percorsi degli effetti del microbiota cattivo.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: