Emozioniamo

Litigare meno nella gestione del diabete

Adv

Mente

Non è che vogliamo smettere di lavorare o di essere coinvolti nella vita in modo rigoglioso. Piuttosto, vogliamo aggrapparci, immergerci e assaporare pienamente ogni momento che passa.

Voglio sentire la vita, non solo correre attraverso di essa. La mia bussola interna mi sta chiedendo di pensare meno al futuro e perdersi nel fare le cose.

Eppure c’è un ethos forte e contrario nella nostra società: facciamo molte cose non per il gusto di farle, ma in modo che possiamo ottenere qualcosa d’altro o di essere da qualche altra parte.

Ci è stato detto di ottenere buoni voti, non per il gusto di imparare, ma in modo che possiamo entrare in college. Aspiriamo a ottenere un buon lavoro, non necessariamente per il piacere dell’attività o dello stipendio, ma in modo che ci si possa permettere una grande casa e le cose belle.

Quando ho pensato a questi propositi, ho visto che ci viene anche incaricato di gestire il nostro diabete in questo modo. Ci viene detto di controllare il nostro zucchero nel sangue (glicemia) in modo da non avere complicazioni. Di mangiare meno e fare più esercizio fisico così da perdere peso. Perdere peso in modo diventiamo meno resistente all’insulina e facendo in modo che gli altri organi vitali ne possano trarre giovamento.

Eppure numerosi studi dimostrano che fare le cose per se stessi – al contrario di vederle come un mezzo per qualcos’altro – ci rende più felici e più contento.

Il sociologo George Leonard chiama questa passaggi con le nostre azioni nel suo libro, Mastery: le chiavi del successo e realizzazione a lungo termine “. Perdersi nella pratica”,

Secondo Leonard, portando la nostra attenzione consapevole alle azioni e apprezzando quello che stiamo facendo per noi stessi, è un percorso verso la maestria. In altre parole, potremo migliorare e arrivare dove vogliamo andare per essere più presenti in tutto ciò che stiamo facendo.

Immaginate di essere incoraggiati dal nostro medico per fare i compiti relativi al diabete come atti di cura, nutrimento e senza giudizio. Credo che la gestione del diabete sarebbe meno pregna di sensi di colpa, di vergogna, paura per il fallimento – e finiremmo per diventare migliori raccogliendo una ottimale gestione con risultati positivi.

Essere “perso nella pratica” non significa essere smemorati o disattenti. Tutto il contrario. Significa essere pienamente presenti, essere uno con quello che stiamo facendo. In questo spazio, o la mancanza di, non c’è spazio per rimproverare, giudicare e criticare.

Nel mangiare consapevolmente si inizia col notare ciò che si mangia, come sapore e come ti fa sentire. Tutto naturalmente si rischia a cominciare dal fare scelte più salutari.

Facendo una passeggiata, memore delle attività, si sente la brezza e il tuo corpo sempre più forte. Si vede qualcosa di notevole lungo il percorso.

Controllare la glicemia “perso nella pratica” diventa un atto per coltivare se stessi. I nostri numeri offrono solo una utile guida.

Vorrei incoraggiarvi a “perdersi nella pratica” quando si esegue il vostro prossimo compito da diabetico. Rallentare, prendere un respiro profondo, concentrarsi su quello che si sta facendo, sorridere e dire a te stesso che sei felice di prenderti cura di te, che non vi è alcuna pressione e non c’è bisogno di essere perfetto. Essere singolarmente assorbiti nel compito per il bene del compito, l’atto di amare se stessi e nulla più.

Mihaly Csikszentmihalyi , uno dei fondatori della psicologia positiva, descrive ciò che si sta facendo come un “flusso”. Csikszentmihalyi ha scoperto che quando siamo completamente assorbiti nell’attività ci sentiamo più forti, in completo controllo e al culmine della nostra capacità.

Nell’esecuzione della gestione del diabete in “flusso” o “perso nella pratica,” i sensi sono intensificati. E mentre i vostri pensieri non sono concentrati sul futuro ma nel presente della nostra salute la stessa migliorerà nella sua gestione e nei risultati..

E’ nel “perdersi”, che in realtà troviamo una porta ad una maggiore resistenza. E’ nel rallentamento che in realtà si finisce per andare più veloce.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: