Terapie

Un esempio di buona educazione

Adv

educazione sanitaria

Invitare alla retroazione i diabetici durante lo sviluppo dei programmi comunitari e la definizione delle responsabilità degli operatori sanitari di comunità (CHW) potrebbero aiutare a superare le barriere, suggeriscono ricercatori.

“Visti i precedenti limitati alla partecipazione maschile nei programmi comunitari rilasciati, è fondamentale sollecitare l’input degli uomini durante il processo di sviluppo dell’azione, al fine di massimizzare la condivisione e in modo efficace influenzare i risultati sulla salute legata al diabete”, hanno scritto i ricercatori.

Krysia Crabtree, MS , della Eastern Virginia Medical School, e colleghi di altre istituzioni avevano reclutato 25 uomini con diabete (età media, 53 anni; durata media del diabete, 9,6 anni) dal database del sistema sanitario predisposto per la formazione ed educazione del diabete.

Per esplorare le percezioni degli uomini sui metodi migliori per realizzare interventi migliorativi della compliance del diabete su base comunitaria rilasciati dal CHWs, un moderatore esperto ha guidato i pazienti attraverso quattro gruppi mettendo a fuoco per 90 minuti i punti chiave nell’auto-gestione della malattia per facilitare la discussione, e due revisori ne hanno analizzato il contenuto.

Con un copione scritto, il moderatore ha facilitato la discussione sul tema della gestione del diabete e le preferenze per i programmi basati sulla comunità. I revisori hanno utilizzato un approccio deduttivo e induttivo iterativo, combinati per identificare i temi principali.

I partecipanti hanno preso conoscenza delle strategie di autogestione, ma identificato diverse difficoltà che hanno contribuito a fare da barriera nella comprensione e comportamento della malattia, tra cui le manifestazioni emotive e fisiche del diabete, le restrizioni dietetiche, e frustrazioni burocratiche, relazionali con il sistema sanitario.

“E’ importante non dare per scontato che solo perché un paziente sia un uomo questi non sia alle prese con alcune delle sfide emotive legate al rapporto col diabete”, hanno scritto i ricercatori.

Gli uomini preferiscono gli operatori sanitari di comunità, al contrario dei tecnici sanitari professionali, i quali preferiscono continuare ad essere responsabile nell’educarli: tenendo gruppi di sostegno, aiutando a tenere traccia delle attività quotidiane e individuando le risorse. Tra le loro potenziali preoccupazioni è stata rimarcata la necessità di riservatezza e timori di stereotipi circa la loro condizione.

“Mentre non può essere fattibile per tutte le pratiche di impegnare gli operatori sanitari di comunità nei programmi di diabete, meccanismi alternativi, come gruppi di sostegno e di supporto tra pari possono essere utilizzati per consentire la condivisione delle migliori pratiche e il problem solving tra i pazienti “, hanno scritto i ricercatori.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: