Prodotti

Guardando dal buco

Pubblicità

glicemiasmartMolto entusiasmo ha circondato l’annuncio da parte di Apple che il suo nuovo orologio Iwatch sarà in grado di monitorare i livelli dello zucchero nel sangue. Apple ha trovato per controllare la glicemia senza il temuto buco dal polpastrello nei diabetici? Non proprio.

L’orologio di Apple, che sarà disponibile dal 24 aprile riceverà le informazioni da un dispositivo di monitoraggio continuo del glucosio. Questi dispositivi si basano su sensori inseriti, con un ago sotto la pelle, per misurare lo zucchero nel sangue livelli ogni cinque minuti o giù di lì.
Le informazioni dal sensore vengono inoltrate a un piccolo trasmettitore che si attacca sulla parte superiore della pelle, e poi ad un ricevitore che visualizza le informazioni della glicemia attuale e prevede la direzione che sta prendendo lo zucchero nel sangue, e di quanto in modo rapido. L’orologio Apple sarà in grado di visualizzare le informazioni provenienti dal ricevitore.
Tali informazioni sono di vitale importanza per le persone che trattano il diabete con l’insulina, e comprende tutti con diabete di tipo 1 oltre ad alcune persone con diabete di tipo 2. L’insulina è un ormone che è necessario al corpo per essere in grado di utilizzare gli zuccheri dagli alimenti.
Ma il dosaggio dell’insulina non è una scienza esatta. La necessità d’insulina spesso varia durante il giorno. Troppa insulina può causare un pericoloso abbassamento degli zuccheri nel sangue, mentre troppo poca insulina permette ai livelli dello zucchero nel sangue di salire troppo in alto. Nel corso del tempo, questo può portare a gravi complicazioni.
Ecco dove entra in gioco il controllo dello zucchero nel sangue. Aiuta le persone mettere a punto il loro dosaggio di insulina, così come il tentativo di controllare altri fattori che influenzano i livelli dello zucchero nel sangue.
Anche se l’orologio di Apple si colloca fuori dalle tecnologie già esistenti, c’è sicuramente un mercato per questo, ha detto Aaron Kowalski, vice presidente della ricerca per JDRF (Juvenile Diabetes Research Foundation). Kowalski è lui stesso un diabetico tipo 1.
“So che la maggior parte delle persone non indossano più orologi, ma io sono un corridore. E per me, la capacità di guardare facilmente il numero nel bel mezzo di una corsa è positivo,” ha detto. “E’ noioso, difficile  dover tirare fuori il ricevitore per guardare il numero.
“Il grande vantaggio è il rilevamento Bluetooth-enabled. Penso che la maggior parte della captazione sarà per evitare lo stigma. È possibile controllare con discrezione. Non dover portare in giro un dispositivo supplementare è cool”, ha aggiunto Kowalski.

Pubblicità

La tecnologia mobile una manna dal cielo per i genitori con bambino diabetico

La nuova tecnologia rende anche possibile per i genitori e gli altri un aiuto a distanza per gestire il diabete. Ad esempio, i genitori possono controllare il loro bambino mentre lui o lei è a scuola.
La necessità di un tale dispositivo è così chiara, Kowalski ha detto, che alcuni genitori con background tecnico avevano già capito come utilizzare il cloud computing per inviare informazioni da un sensore glicemico continuo alla nuvola e poi a un orologio Bluetooth. Questo si chiama il progetto Nightscout.

Il produttore del sistema di monitoraggio continuo del glucosio Dexcom recentemente ha introdotto un sistema simile chiamato Share che permette alle persone di condividere i dati dello zucchero nel sangue fino a un massimo di cinque persone su un iPhone. Anche in questo caso, il vantaggio è quello di consentire a un genitore o  qualcun altro per aiutare o supervisionare la situazione nella gestione del diabete.

Anche se questi prodotti rendono più facile monitorare i livelli dello zucchero nel sangue, non hanno ancora eliminato la necessità di bucarsi il dito per controllare i livelli della glicemia nel sangue. Oggi i diabetici hanno ancora bisogno di controllare la glicemia con una goccia di sangue, e devono inserire manualmente il numero del valore risultante nel sistema di monitoraggio continuo del glucosio. Questa è chiamata calibrazione. Naturalmente, il sensore stesso deve essere iniettato sotto la pelle.

Kowalski ha notato che un altro sistema di monitoraggio continuo del glucosio chiamato Libre, dell’Abbott, è stato approvato per l’uso in Europa e non richiede calibrazioni mediante prelievo del sangue capillare. Tuttavia, questo dispositivo non invia automaticamente le informazioni ad un ricevitore. L’utente passa il ricevitore sul dispositivo per leggere il valore dello zucchero nel sangue.
Che dire di altre opzioni per le persone che non vogliono usare, o non possono permettersi il sistema dimonitoraggio continuo del glucosio? Alcuni assicuratori, tra cui Medicare, esitano a pagare per tale tecnologia, Kowalski ha spiegato.
Un certo numero di gruppi di ricerca stanno cercando di trovare dei modi per monitorare i livelli dello zucchero nel sangue, senza la necessità di un tradizionale buco dal dito. Tutti sono in fase sperimentale, ma le possibilità sono:
Una lente a contatto. Questo progetto, finanziato da Google, userebbe le lacrime umane per misurare i livelli di zucchero nel sangue. Altre aziende, come la società olandese NovioSense, stanno anche lavorando su lenti a contatto per rilevare i livelli di zucchero nel sangue.
Un etilometro. Questo dispositivo dovrebbe misurare i livelli di acetone dall’alito, che sorge quando lo zucchero nel sangue sale, secondo i ricercatori della Western New England University.
Un test della saliva. I ricercatori della Brown University e di altri gruppi stanno lavorando su un sistema per testare accuratamente i livelli dello zucchero nel sangue da saliva, tramite un enzima speciale.
Un tatuaggio. Un inchiostro speciale farebbe rifrangere la luce infrarossa di nuovo attraverso la pelle su di un monitor in grado di tradurre queste letture in livelli di glucosio nel sangue . Un tale dispositivo è in fase di studio al MIT.

Categorie:Prodotti

Con tag:,,