Ricerca

Altro tassello nella direzione della prevenzione del diabete di tipo 1

Pubblicità

ricercaGli scienziati del campus allo  The Scripps Research Institute (TSRI) in Florida hanno testato con successo un potente composto sintetico che impedisce il diabete di tipo 1 in modelli animali della malattia.

“Gli animali del nostro studio non hanno sviluppato la glicemia alta indicativa di diabete , e il danno delle cellule beta è stata significativamente ridotta rispetto agli animali che non erano stati trattati con il nostro composto “, ha detto Laura Solt, biologo presso il TSRI e l’autore principale dello studio.
Il diabete di tipo 1 è una conseguenza della distruzione autoimmune delle cellule beta che producono insulina nel pancreas. Mentre lo trattamento standard per la malattia mira a sostituire l’insulina perduta, il nuovo studio focalizza invece sulla possibilità di impedire la devastazione iniziale causata dal sistema immunitario permettendo l’arresto della patologia prima ancora del suo avvio.
Nello studio, pubblicato nel numero di marzo 2015 della rivista Endocrinology , gli scienziati hanno testato un composto sperimentale noto come SR1001 in modelli animali diabetici non obesi. Il composto si rivolge a un paio di “recettori nucleari” (ROR? e RORg) che giocano un ruolo critico nello sviluppo in una popolazione specifica (Th17) di cellule immunitarie associate alla malattia.
“Poiché le cellule Th17 sono state collegate a una serie di malattie autoimmuni, tra cui la sclerosi multipla, abbiamo pensato che il nostro composto potrebbe inibire le cellule Th17 nel diabete di tipo 1 e possibilmente interferire con la progressione della malattia”, ha detto Solt. “Avevamo ragione.”
I ricercatori hanno scoperto il SR1001 ed eliminato l’incidenza del diabete e insulitis minimizzata, che è l’infiammazione associata con lo stesso, e distruttore delle cellule che producono insulina  negli animali trattati. Il composto ha soppresso la risposta immunitaria, compresa la produzione di cellule Th17, mantenendo normali i livelli di insulina; è anche aumentata la frequenza di espressione di Foxp3 nelle cellule T, che controlla lo sviluppo e la funzione di un tipo di cellule immunitarie noto come cellule T regolatorie .
Solt osserva che lo studio suggerisce fortemente come le cellule Th17 hanno un ruolo patologico nello sviluppo del diabete di tipo 1 e l’uso di composti sintetici ROR-specifici destinati a questo tipo di cellula può avere un potenziale come terapia preventiva per il diabete di tipo 1. “Certamente apre la porta per altre aree da v”isionare”, ha detto.

Pubblicità

Nota: ROR Inverse Agonist Sopprime insulite   Endocrinology, 156: 869-881, 2015, pubblicato marzo 2015

Categorie:Ricerca

Con tag:,