Vivo col Diabete

Lo screening per il diabete dal dentista

Pubblicità

dentiPaura del dentista? Ora un buon motivo per farsela passare c’è: si tratta di questo studio che condividiamo in sintesi, un dato non nuovo se non per il fatto di vederlo cominciare a diventare realtà, almeno oltreoceano e magari, Italia a parte, anche in Europa?

Si stima che 8,1 milioni dei 29,1 milioni di americani che vivono con il diabete non diagnosticato e sono molti che hanno scarso controllo glicemico dello stesso. Dato che ogni anno molti americani visitano un dentista, ma non un medico di base, le visite dentistiche possono essere un luogo opportuno per il controllo del diabete e del monitoraggio del glucosio per molti pazienti a rischio.

Pubblicità

Ora, un nuovo studio pubblicato sul Journal of Public Health , conferma che l’utilizzo del sangue crevicolare gengivale (GCB) per il test dell’emoglobina A1c (HbA1c) ha prodotto valori che erano quasi identici a quelli ottenuti dal sangue venoso, con una correlazione di 0,991 tra i due campioni di sangue su 408 pazienti. Il test HbA1c è promosso dalla American Diabetes Association (ADA) per il diabete a scopi diagnostici e di monitoraggio controllo glicemico.

“Alla luce dei risultati dello studio, la visita del dentista potrebbe essere una utile occasione per effettuare lo screening del diabete tra le persone a rischio, per individuare i pazienti non diagnosticati – un primo passo importante per identificare coloro che hanno bisogno di ulteriori test per determinare il loro stato di diabete”, ha detto il capo della ricerca, la dottoressa Shiela Strauss, professore associato di infermieristica e co-direttore di Statistica e gestione dei dati di base per l’università di NYU of Nursing e Odontoiatry.

Lo studio: “il potenziale di monitoraggio del controllo glicemico e screening del diabete nella visita odontoiatrica utilizzando il sangue orale,” si basa su una analisi pilota precedente in cui la fattibilità e l’accettabilità per i pazienti e operatori odontoiatrici di utilizzare il sangue per via orale veniva accettata nell’ambito delle visite ed esami di routine.

Mentre tutti coloro che sono a rischio diabete, possono beneficiare in un colpo solo di un accertamento preventivo, la dottoressa Strauss e il suo team hanno anche osservato che il test HbA1c a visite odontoiatriche possono servire come un’ulteriore opportunità per determinare il grado di controllo glicemico tra quelli già diagnosticati.

“Il nostro studio ha una notevole importanza per la sanità pubblica, poiché identifichiamo il valore e l’importanza di capitalizzare l’occasione della visita odontoiatrica per lo screening a rischio, e ancora più per i pazienti con diabete non diagnosticato (soprattutto quelli dai 45 anni in su) e per monitorare il controllo glicemico nei pazienti già diagnosticati in modo da consentire loro di mantenersi in salute, per quanto possibile “, ha detto la dottoressa Strauss.

Categorie:Vivo col Diabete

Con tag:,