Ricerca

Gravi eventi della vita durante l’infanzia possono triplicare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 1

Adv

Stress

Le cause del diabete di tipo 1 sono sconosciute, ma entrambi i fattori genetici e ambientali sono coinvolti. Di solito è preceduto dal sistema immunitario il quale attacca e uccide le cellule beta del pancreas che producono insulina. Così come la predisposizione genetica, diversi fattori ambientali quali infezioni virali, abitudini alimentari nell’infanzia, peso alla nascita e incremento di peso, lo stress cronico, sono stati proposti come fattori di rischio. Dal momento che l’incidenza del diabete di tipo 1 tra i bambini è in aumento nella maggior parte dei paesi del mondo, i fattori ambientali sono in fase di valutazione ancora più intensa nel momento attuale.

In questo unico studio prospettico sulla popolazione (tutti i bambini nel sud-est della Svezia sono stati campionati nell’indagine) si mirava a valutare se lo stress psicologico in termini di esperienze di SLE, insieme con la percezione dei genitori nello stress da  genitorialità e la mancanza di sostegno sociale, durante la crescita del bambino nei primi 14 anni di vita, può essere un fattore di rischio per lo sviluppo di diabete di tipo 1.

I promotori dello studio hanno invitato tutte le famiglie con bambini nati tra il 1 ottobre 1997 e il 30 Settembre 1999 nel sud-est della Svezia a parteciparvi. L’età alla diagnosi è stata ricavata dal SweDiabKids Registro Nazionale nel 2012. Lo stress psicologico famigliare è stato misurato attraverso questionari rivolti ai genitori valutando gravi eventi di vita , lo stress dei genitori , le loro preoccupazioni e quelle ricavate dal  supporto sociale .

Gli autori hanno scoperto che l’esperienza di infanzia con un grave evento di vita è stata associata ad un più alto rischio di diagnosi futuro del diabete di tipo 1, i bambini in questi contesti hanno quasi tre volte più probabilità di sviluppare diabete di tipo 1 rispetto agli altri, anche dopo un aggiustamento per fattori confondenti (predisposizione genetica al T1D, l’età al momento dell’ingresso nello studio, la predisposizione genetica per il diabete di tipo 2, le dimensioni per l’età gestazionale, il livello di istruzione dei genitori e se la madre ha lavorato almeno il 50% delle ore a tempo pieno prima della nascita del bambino).

In relazione ad altri fattori ambientali discussi come fattori di rischio, l’aumento dell’incognita diabete di tipo 1 causata da SLE trovato in questo studio è paragonabile ad altri elementi: come il peso alla nascita, fattore nutrizionale infantile e infezioni da enterovirus. Tuttavia, quando si confrontano singoli elementi di rischio, la predisposizione genetica è ancora molto più importante. In questo campione di studio, vi era un 12 volte aumento del rischio di sviluppare diabete di tipo 1 per un bambino di una famiglia in cui un altro membro di primo grado ha T1D – con circa quattro volte un aumentato rischio associato ad un SLE. Gli autori dicono: “Lo stress psicologico dovrebbe essere trattato come un potenziale fattore di rischio, e andrebbe esaminato ulteriormente in futuro studi epidemiologici, ad esempio in collegamento al rischio genetico.”

Discutere i possibili meccanismi, dicono gli autori circa una possibilità di collegamento dello SLE con lo sviluppo di diabete di tipo 1 è suggerita dalla ipotesi di stress delle cellule beta, che propone nell’esperienza del bambino in SLE a contribuire allo stress delle cellule beta attraverso una maggiore resistenza all’insulina e crescenti richieste di insulina a causa della risposta allo stress fisiologico, compresi elevati livelli di cortisolo, l’ormone dello stress. Un altro possibile meccanismo che collega stress a malattie immunologiche è uno squilibrio più generale del sistema immunitario in seguito a stress cronico. Questo squilibrio può contribuire ad una reazione immunologica contro l’insulina prodotta dalle cellule beta.

Gli autori concludono: “Coerentemente con numerosi precedenti studi retrospettivi, questo primo studio prospettico porta a evidenziare come l’esperienza di un grave evento di vita (ragionevolmente indicando lo stress psicologico) nei primi 14 anni di vita può essere un fattore di rischio per lo sviluppo di diabete di tipo 1. Lo studio ha esaminato gravi eventi di vita vissuti in qualsiasi momento prima della diagnosi, ulteriori studi sono dunque necessari per determinare quando il processo autoimmune da stress psicologico può contribuire, e in associazione con la quale altri elementi: come i fattori genetici, infezioni o altri periodi di pronunciato stress per le cellule beta. L’esperienza di eventi di vita stressanti non può essere evitata, i bambini ei loro genitori dovrebbero avere un sostegno adeguato per far fronte a questi momenti per scongiurare le conseguenze, che potrebbe includere questioni mediche.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: