Vivo col Diabete

Apple annuncia che ResearchKit è disponibile da oggi per i ricercatori medici

Adv

researchkit

Le prime app per la ricerca sviluppate con ResearchKit si occuperanno di asma, tumore al seno, malattie cardiovascolari, diabete e morbo di Parkinson, e hanno già superato i 60.000 utenti iPhone iscritti nelle prime settimane di disponibilità sull’App Store. Da oggi, i ricercatori potranno usare ResearchKit per realizzare le proprie app, mentre gli sviluppatori potranno contribuire al framework open source con nuovi moduli di ricerca.

Ecco le parole di Jeff Williams, Senior Vice President Operations di Apple: “Siamo soddisfatti e motivati dal riscontro ricevuto da ResearchKit da parte della comunità di medici e ricercatori e dai partecipanti agli studi clinici. Studi che solitamente coinvolgevano poche centinaia di partecipanti ne contano ora decine di migliaia. I ricercatori medici in tutto il mondo stanno esplorando in maniera pro-attiva come ResearchKit possa aiutarli a studiare ancora più malattie e riteniamo che l’impatto sulla comprensione globale dei problemi legati a salute e benessere sarà profondo.”

Il framework open source consente a qualsiasi ricercatore medico di sfruttare i moduli iniziali in ResearchKit per approfondire argomenti legati a salute e benessere e per comprendere meglio la malattia. Gli sviluppatori possono inoltre creare nuovi moduli basati sul codice open source e integrarli in ResearchKit. I moduli personalizzabili iniziali riguardano gli elementi più comuni degli studi clinici: consenso dei partecipanti, sondaggi e attività.

Con ResearchKit, i ricercatori possono accedere a un modello di consenso elettronico visivo che può essere personalizzato per includere spiegazioni dettagliate dello studio e ottenere la firma dei pazienti. Con questo modulo è facile per il ricercatore integrare elementi come spezzoni video che illustrano lo studio clinico e un quiz interattivo per verificare che il partecipante abbia compreso di cosa si tratta.

Il modulo dei sondaggi offre un’interfaccia utente pre-impostata, in cui è semplice personalizzare le domande per i partecipanti, che potranno quindi completare e condividere le risposte all’istante con i ricercatori.

Il modulo delle attività consente ai ricercatori di raccogliere dati più mirati per il proprio studio invitando i partecipanti a compiere determinate attività che portano alla generazione di dati, raccolti grazie agli evoluti sensori dell’iPhone.

Maggiori informazioni su come accedere al framework open source sono disponibili su www.researchkit.org.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: