Ricerca

I bambini a rischio di diabete di tipo 1 mostrano una risposta immunitaria quando somministrata insulina per via orale

Adv

children with diabetes 1

Lo studio pilota, pubblicato Martedì, 21 aprile sul Journal of American Medical Association (JAMA), è stata effettuato negli Stati Uniti, Germania, l’Austria e  Regno Unito.

“Questa è la prima volta che abbiamo visto una risposta immunitaria sana da qualsiasi terapia utilizzata nei bambini che sono ad alto rischio di diabete di tipo 1”, ha detto Georgeanna Klingensmith, MD, professore di pediatria presso l’Università del Colorado School of Medicine alla Colorado University Anschutz, la quale ha guidato la parte americana della ricerca. “I risultati hanno mostrato con sicurezza che nessuno dei bambini ha sviluppato diabete, anticorpi anti-insulina o ipoglicemia.”

Klingensmith ha detto che i bambini a cui venne somministrata una più alta dose di insulina per via orale mostrarono una maggiore risposta immunitaria.

Il diabete di tipo I è una minaccia per la vita: una malattia cronica che causa fino a 200 decessi ogni anno a livello nazionale. I bambini che hanno la malattia devono iniettare insulina più volte al giorno per il resto della loro vita, perché il loro sistema immunitario ha ucciso le cellule del pancreas che creano l’insulina.

In questo studio, i bambini che avevano una storia familiare di diabete di tipo 1 è stata data insulina per via orale o placebo una volta al giorno da tre a 18 mesi per determinare se l’insulina poteva provocare una risposta immunitaria senza effetti collaterali. I bambini avevano dai due ai sette anni d’età.

Solo due su 10 bambini trattati con placebo hanno mostrato una risposta immunitaria.

Ma tra quelli trattati con insulina per via orale, l’immunità è aumentata con il dosaggio.

  • 16,7 per cento dei bambini che hanno ricevuto 2,5 mg di insulina al giorno ha visto una risposta immunitaria.
  • 33 per cento dei bambini che hanno ricevuto 7,5 mg di insulina ha mostrato una risposta immunitaria.
  • 83,3 per cento dei bambini che assunto 67,5 mg di insulina al giorno ha dimostrato una risposta immunitaria.

“I risultati mostrano che l’insulina per via orale è sicura”, ha detto Klingensmith. “Questo ci dice che abbiamo bisogno di fare test su campioni più estesi per vedere se questi risultati reggono.”

Mentre Klingensmith è riluttante a leggere troppo nei risultati, ha detto che uno scenario migliore dei casi, potrebbero portare allo sviluppo di un vaccino per il diabete di tipo 1. “Questo è l’obiettivo finale”, ha detto.

Fornito da University of Colorado Denver

A leggere questa notizia ho pianto dalla commozione: Dio vi benedica!

Aggiornamento:

Il professor Ezio Bonifacio dal Centro per le Terapie Rigenerative, che ha agito come Capo Ricercatore dello studio, ha commentato i risultati come segue: “… siamo lieti di vedere come non ci sono stati effetti collaterali indesiderati e visto i segni che si presentano che normalmente nei bambini senza diabete di tipo 1 “. Poiché insulina in questa forma di dosaggio è suddivisa nello stomaco, e non ha influenzato i livelli di glucosio nel sangue. “… Noi crediamo che la maggior parte della risposta accade mentre l’insulina è ancora in bocca”, ha aggiunto Bonifacio.

Secondo il parere della Prof. Anette-Gabriele Ziegler dell’Institut für Diabetesforschung, che ha anche contribuito allo studio, la cosa rilevante di questo studio in doppio cieco sta nell’insulina somministrata come vaccino profilattico ai bambini prima di aver sviluppato un risposta autoimmune – cioè prima che vengono prodotti gli autoanticorpi. Ziegler ha proseguito: “Questo è un modo rivoluzionario per prevenire il diabete di tipo 1, ma è del tutto logico che, se il sistema immunitario del corpo non impara a fare le risposte protettive da solo, abbiamo bisogno di dargli un piccolo aiuto.”

La JDRF (Juvenile Diabetes Research Foundation) negli Stati Uniti, la quale ha fornito un finanziamento di sostegno per il progetto, valuta i risultati dello studio in una luce positiva: “La JDRF è molto incoraggiata dai risultati dello studio preliminare come primo passo per potenzialmente prevenire il diabete di tipo 1 nei bambini che sono ad alto rischio di contrarlo “, ha detto Julia Greenstein, JDRF Vice President of Discovery Research. “Questo è un dato significativo per la missione di JDRF nel realizzare un mondo senza diabete di tipo 1, i risultati dello studio sono interessanti e ci portano un passo più vicini al potenziale di vedere una strategia di vaccinazione orale per prevenire questa malattia.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: