Vista e dintorni

Sguardo intensivo

Pubblicità

ochoLa ricerca riportata in seguito non è di per sé una novità, molti di noi dopo anni di vita passata con il diabete 1 sanno quanto sia importante l’equilibrio glicemico-metabolico per non incappare nelle complicanze derivate da periodi lunghi di scompenso, in primo luogo proprio a partire dagli occhi, con la retina.

Una gestione Intensiva del diabete di tipo 1 può ridurre il rischio di avere un intervento chirurgico agli occhi correlato al diabete di quasi il 50 per cento, secondo un nuovo rapporto.

Pubblicità

Ma anche per le persone che non hanno potuto soddisfare gli stringenti obiettivi dello zucchero nel sangue fissati per i partecipanti allo studio, solo un miglioramento del 10 per cento dei livelli di emoglobina A1C, da due a tre mesi, mediante una stima media dei livelli glicemia ha portato a una riduzione del 35 per cento del rischio di chirurgia nell’occhio legato al diabete, secondo quanto ricavato dallo studio.

“Stiamo dimostrando come, con un periodo modesto di stretto controllo dello zucchero nel sangue, si può ridurre la necessità di un intervento chirurgico negli occhi”, ha detto l’autore dello studio, il dottor David Nathan, direttore del Massachusetts General Hospital Diabetes Center e Centro di Ricerca Clinica a Boston.

In generale, l’obiettivo A1C per le persone con diabete di tipo 1-una malattia autoimmune che distrugge la capacità del corpo di produrre l’ormone dell’insulina è sotto il 7 per cento, secondo JDRF (alias Juvenile Diabetes Foundation Research).

“Così, appena una variazione in goccia tra 7,7-7 o 8,5-7,7-porterebbe a una riduzione del 35 per cento nelle procedure oculistiche legate al diabete. Una A1C inferiore è meglio, a patto che la si stia facendo nel modo più sicuro possibile” Natan afferma.

Abbassare troppo i livelli dello zucchero nel sangue può essere pericoloso, mentre una glicemia elevata a lungo termine può portare a conseguenze per la salute, tra cui retinopatia diabetica.

In che modo il diabete danneggia gli occhi? In diversi modi, secondo Nathan. “Il bulbo oculare è molto piccolo rispetto al resto del corpo, ma gli occhi hanno un enorme flusso di sangue attraverso finissimi vasi di piccolo calibro”, ha spiegato.

“Il diabete può causare anomalie nello sviluppo in questi vasi. I vasi possono rompersi, e provocare la perdita di sangue. In alternativa, i vasi cercano di riparare [se stessi] con lo sviluppo di nuovi vasi, ma i nuovi vasi sono sottili e possono sanguinare o perdere liquidi “, ha detto Nathan.

Questi problemi possono portare a condizioni chiamate edema maculare e la retinopatia diabetica. Le persone con diabete sono hanno anche una maggiore probabilità di avere la cataratta . “Lo sviluppo della cataratta è anticipato di un decennio o più nelle persone con diabete”, ha osservato Nathan.

La nuova ricerca ha incluso due studi e circa 1.400 persone con diabete di tipo 1. Il primo studio dai primi anni 1980 aveva due gruppi di persone, quello che hanno ricevuto una gestione intensiva del diabete, mentre l’altro gruppo la cura standard. Questo studio è durato circa 10 anni.

Per il gruppo con terapia intensiva, il rischio di aver bisogno di un intervento di cataratta è stata del 48 per cento in meno. Il rischio di una procedura chiamata vitrectomia o chirurgia retinica per evitarne il distacco, è stato ridotto del 45 per cento in tale gruppo, secondo lo studio.

“Gli interventi per controllare i livelli di glucosio nel sangue può migliorare i risultati, preservare la vita e prevenire la disabilità”, ha dichiarato Helen Nickerson, direttore dello sviluppo traslazionale per JDRF.

“Ma è anche importante per contenere i costi di un intervento”, ha aggiunto.

I risultati dello studio sono pubblicati nel 30 aprile la questione del New England Journal of Medicine.

Ulteriori informazioni: Per saperne di più su complicanze oculari del diabete sul sito USA del National Eye Institute .