Ricerca

Adolescenti reali in vacanza con il pancreas artificiale

Adv

worldfirstfo

Cinque gli adolescenti partecipanti tra i 14 ei 17 anni si riuniranno presso la Clinica Pediatrica della Yale sabato 2 maggio alle ore 11:00 e useranno il “pancreas artificiale”, un sistema che controlla automaticamente e costantemente i livelli dello zucchero nel sangue ed eroga la giusta quantità di insulina per un periodo di quattro giorni.

Il trattamento standard per i bambini e gli adolescenti con diabete di tipo 1 è costituito da più iniezioni di insulina al giorno o l’uso di una pompa di insulina. La pompa di insulina è stata sperimentata dapprima in uno studio clinico a Yale più di 35 anni fa, e mentre ha avanzato il trattamento del diabete, tale strumento deve essere azionato manualmente per cercare di fornire i corretti dosaggi di insulina.

Nel corso degli ultimi 10 anni, alla Yale School of medicine hanno lavorato con partner del settore per sviluppare quello che molti considerano un “pancreas artificiale”, un microinfusore che funziona con un sensore di glucosio continuo per regolare automaticamente la somministrazione di insulina in risposta alla domanda del corpo. Entrambi i tipi di dispositivi sono approvati separatamente dalla Food and Drug Administration (FDA) e sono utilizzati dai pazienti. Ma un sistema a circuito chiuso, in cui il sensore controlla la pompa di base minuto per minuto, sarebbe un avanzamento importante.

“La capacità del sistema di autoregolarsi automaticamente in background mentre i pazienti fanno la loro vita quotidiana sarebbe davvero una trasformazione nell’esistenza delle persone con diabete”, ha detto il ricercatore principale dello studio, Stuart Weinzimer, MD, professore associato di pediatria presso Facoltà di Medicina della Yale,

Per i genitori di bambini con diabete, un tale dispositivo potrebbe anche alleviare un enorme carico emotivo, fanno notare i ricercatori. Mentre la glicemia alta aumenta il rischio di complicanze del diabete a lungo termine, poco zucchero nel sangue, noto come ipoglicemia, può rappresentare una minaccia immediata che include la perdita di coscienza e coma. I livelli di zucchero nel sangue possono variare anche di notte quando i pazienti non si stanno monitorando, causando la veglia in alcuni genitori al fine di controllare i loro figli più volte. Preoccuparsi dell’ipoglicemia causa anche in alcuni pazienti il rifiuto di controllare strettamente la loro glicemia.

In questo studio, i cinque ragazzi dormiranno in un hotel di New Haven, parteciperanno alle attività che comprendono escursioni a piedi, giocare a baseball, scalare una parete di roccia e consumare i pasti insieme, tutto ciò sotto il monitoraggio del personale medico di Yale.

“Saremo con loro in ogni momento, ma è davvero una sfida per il sistema del pancreas artificiale tenere il passo con i bambini nell’agire come loro”, ha detto Weinzimer. Oltre a verificare periodicamente i livelli di zucchero nel sangue, lui e gli altri membri del team di ricerca sarà in grado di monitorare i livelli di zucchero dei ragazzi sui loro telefoni e altri dispositivi remoti.

Due studi ambulatoriali precedenti a Yale che hanno testato il dispositivo in adulti con diabete 1 ha dimostrato che erano in grado di ottenere un buon controllo del glucosio. Tuttavia, tale controllo è difficile per gli adolescenti da raggiungere. Gli adolescenti tendono ad essere meno attenti nel monitorare la loro glicemia, e ci sono differenze fisiologiche che lo rendono più difficile per loro nel controllarla. Meno del 25% degli adolescenti con diabete riesce nel raggiungimento degli obiettivi consigliati per il controllo del glucosio, secondo Weinzimer.

Weinzimer prevede di includere un totale di 15 adolescenti con diabete nello studio, che, dice, è un gruppo abbastanza grande per valutare la sicurezza del dispositivo e come funziona. Se lo studio avrà successo, ci saranno studi su larga scala che coinvolgerano più siti prima che il dispositivo venga approvato dalla FDA.

Lo studio è finanziato dalla Juvenile Diabetes Research Foundation per testare un dispositivo in fase di sviluppo da Medtronic e si svolge in collaborazione con la Stanford University e la Barbara Davis Center for Childhood Diabetes a Denver, Colorado. Il finanziamento è stato fornito anche dalla sovvenzione clinica e traslazionale del Science Award Yale, dal Centro Nazionale per l’avanzamento delle Scienze traslazionale presso il National Institutes of Health.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: