Ricerca

Declino cerebrale nei diabetici di tipo 1 in età matura

Trevor OrchardIl cervello delle persone con diabete di tipo 1 evidenzia segni di invecchiamento accelerato che correlano con le informazioni di elaborazione più lenta, secondo una ricerca condotta dall’Università di Pittsburgh Graduate School of Public Health.

I risultati indicano che i medici dovrebbero prendere in considerazione lo screening dei pazienti di mezza età con diabete di tipo 1 per il controllo delle difficoltà cognitive. Se progressivi, questi cambiamenti potrebbero influenzare la loro capacità di gestire il diabete. Lo studio, finanziato dal National Institutes of Health (NIH), è in linea e sarà pubblicato il 19 maggio dalla rivista Neurology.

Pubblicità e progresso

“La gravità delle complicanze cognitive e cerebrali scaturiti nei piccoli vasi sanguigni e determinati dalla malattia possono far morire di fame il cervello per mancanza di ossigeno: il fenomeno è molto più intenso di quanto ci aspettassimo, ma può essere misurato in ambito clinico”, ha detto l’autore dottor Caterina Rosano, professore del Dipartimento di Epidemiologia di sanità pubblica alla Pittsburgh . “Sono necessari ulteriori studi nei pazienti più giovani, ma è ovvio che la diagnosi precoce e di intervento, ad esempio mediante il controllo dei fattori cardiometabolici e un più stretto monitoraggio glicemico, aiutano a prevenire le complicanze microvascolari e potrebbero ridurre o ritardare le problematiche cognitive.”

Il diabete di tipo 1 di solito viene diagnosticato nei bambini e nei giovani adulti e accade quando il corpo non produce insulina, un ormone che è necessario per convertire lo zucchero in energia.

La Dr. Rosano ei suoi co-autori hanno esaminato le risonanze magnetiche cerebrali, le valutazioni cognitive, gli esami fisici e storie mediche su 97 persone con diabete di tipo 1 e 81 dei loro coetanei non diabetici.

Le persone con diabete di tipo 1 analizzate hanno tutte partecipato a uno studio sul diabete e le sue complicanze condotto al Dipartimento di Epidemiologia della Pittsburgh tra i pazienti con diagnosi riscontrata in pediatria tra il 1950 e il 1980.

La risonanza magnetica ha mostrato che il 33 per cento delle persone con diabete di tipo 1 ha da un moderato a grave livello di iperintensità della sostanza bianca (marcatori di danno alla materia bianca del cervello, presenza normale e ricorrente nei processi cerebrali dell’invecchiamento e malattie neurologiche) rispetto al 7 per cento delle loro controparti non-diabetiche .

Su tre test cognitivi che misurano le abilità, come la velocità di elaborazione delle informazioni, abilità manuale e l’intelligenza verbale, le persone con diabete di tipo 1 in media registravano punteggi più bassi rispetto a quelli senza la condizione.

Le associazioni di cui sopra hanno registrato un incremento laddove si aveva la presenza contemporanea di glicemia instabile e pressione alta.

Lo studio ha individuato segni di danni ai nervi, quali intorpidimento o formicolio alle estremità, come un fattore di rischio per maggiori volumi di iperintensità della sostanza bianca.

“Le persone con diabete di tipo 1 vivono più a lungo rispetto al passato, e l’incidenza del diabete di tipo 1 è in aumento ogni anno,” ha detto l’autore dottor Karen A. Nunley, borsista postdottorato nel programma Neuroepidemiologia. “Dobbiamo imparare di più sull’impatto di questa malattia sui pazienti in età matura. Studi a lungo termine sono necessari per meglio individuare i potenziali problemi e determinare quali interventi possono ridurre o prevenire l’invecchiamento accelerato del cervello e il declino cognitivo.”