Vivo col Diabete

Edema maculare diabetico

Adv

joslinresear

La ricerca in laboratorio di Edward P. Feener, Ph.D., ricercatore nella sezione Biologia Vascolare cellulare e direttore del Nucleo Proteomica al Joslin Diabetes Center nonché professore associato di Medicina alla Harvard Medical School, ha ora dimostrato che una sostanziale percentuale di pazienti con DME non ha alti livelli di VEGF nel liquido interno ai loro occhi, e al tempo stesso non ha alti livelli di una proteina chiamata PKal (callicreina plasmatica) e molecole che sono i principali attori in un percorso molecolare infiammatorio coinvolta nella malattia associata.

Gli scienziati hanno anche dimostrato negli animali che il percorso molecolare PKal può indurre l’edema retinico attraverso meccanismi che sono indipendenti del percorso VEGF, che a livelli normali aiuta a costruire e mantenere i vasi sanguigni, ma ad alte concentrazioni può indurre la crescita dei vasi anomali e contribuire all’DME.

Delineato in un documento pubblicato sulla rivista medica dell’ADA Diabetes, le scoperte aumentano le prove che gli agenti  obiettivo PKal possono essere utili nel trattamento di DME che non è pienamente rispondente agli inibitori VEGF.

Nel mese di agosto 2014, KalVista Pharmaceuticals Ltd. ha lanciato uno studio clinico preliminare di un inibitore PKal per il trattamento di DME, con Jennifer Sun, MD, Ph.D., del Beetham Eye Institute del Joslin come ricercatore principale. Lo sviluppo di questo farmaco si è basata su un precedente lavoro di laboratorio del Dr. Feener, che ha dimostrato come l’attivazione di PKal può indurre l’edema retinico in modelli sperimentali di retinopatia diabetica.

L’DME è una forma di retinopatia diabetica in cui i vasi sanguigni perdono fluido nella macula (la regione al centro della retina che fornisce visione rettilinea), che si gonfia e confonde la vista. La condizione viene trattata in fase avanzata mediante fotocoagulazione laser e steroidi, che sono efficaci per alcuni individui, ma sono spesso associate a complicanze. Gli inibitori VEGF che sono arrivati ??negli ultimi anni sono iniettati nel bulbo oculare inizialmente con cadenza mensile. Essi hanno dimostrato di essere molto efficaci per molti pazienti DME, ma la metà dei pazienti risponde lentamente, parzialmente, o non del tutto. “Non possiamo prevedere in questa fase, chi risponderà,” dice il Dott Feener.

“DME è una delle principali cause di disabilità e perdita visiva nei diabetici. Anche se le terapie anti-VEGF si sono dimostrate efficaci in alcune persone con la malattia, sono necessarie terapie aggiuntive per completare quelli esistenti e per il trattamento di soggetti che non rispondono al momento con le terapie disponibili. Il lavoro del Dott Feener è fondamentale nel chiarire un tale potenziale bersaglio per una nuova terapia DME “, ha dichiarato Helen Nickerson, Ph.D., direttore della ricerca a JDRF, che ha contribuito a sostenere la ricerca del Dr. Feener.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: