Ricerca

Scarso controllo della malattia molto comune tra i più giovani con diabete di tipo 1

Adv

giovani

L’analisi dei dati di Exchange T1D Register Clinic, raccolti per 4 anni, hanno anche mostrato che i risultati del trattamento devono essere migliorati in tutte le fasce d’età, e che ipoglicemia grave e chetoacidosi diabetica restano complicazioni comuni nel trattamento, in particolare per quanto riguarda i pazienti più anziani e più giovani, rispettivamente.

“Mentre la gestione della malattia in ogni età ha bisogno di migliorare, è particolarmente sconcertante quanto male si continua a gestire il diabete di tipo 1 negli adolescenti,” il ricercatore Kellee M. Miller, MPH, assistente direttore del Centro Jaeb for Health Research a Tampa, in Florida, ha detto in un comunicato stampa. “Questo gruppo di età, in particolare, deve affrontare sfide uniche per la gestione del diabete, comprese le fluttuazioni ormonali che intervengono nel controllo della glicemia, le talvolta travolgenti esigenze del diabete curato da sé e anche le fasi di ribellione contro i genitori e medici, che possono portare a complicazioni nel trattamento della loro malattia.”

Miller e colleghi di altre istituzioni hanno analizzato i dati di 16.061 bambini e adulti con diabete di tipo 1 di età compresa tra 2-95 anni (50% donne; 83% bianchi) che hanno ricevuto un trattamento all’interno della Clinic Network T1D Exchange, che include 76 pratiche US-based  sia per la pediatria che per gli adulti in endocrinologia all’interno di 33 stati. I ricercatori hanno raccolto i dati tra il settembre 2010 e agosto 2012, e di nuovo tra il settembre 2013 e il dicembre 2014.

In 4 anni di follow-up, la HbA1c media complessiva è passata dal 8,2% al 8,4%, con un peggioramento nel corso del tempo in gran parte limitato tra i 13 e 25 anni d’età, secondo i ricercatori.

Solo il 14% dei giovani tra 18 e 25 anni di età ha centrato gli obiettivi HbA1c raccomandati dall’American Diabetes Association in rapporto agli adulti di un 30% in meno.

I livelli di HbA1c erano più alti tra i partecipanti neri, quelli con un reddito familiare inferiore, e coloro che hanno eseguito l’auto-monitoraggio della glicemia meno di quattro volte al giorno. I partecipanti che utilizzano un microinfusore per insulina o monitor di glucosio continuo hanno avuto valori di HbA1c migliori.

I ricercatori hanno notato aumenti dei livelli di HbA1c attraverso ogni fascia di età, ma solo il 5% sono stati trattati con un agente aggiuntivo per il controllo della glicemia – per la maggior parte, la metformina.

“Il trattamento con metformina è stato associato con solo un modesto abbassamento di HbA1c negli adulti con diabete di tipo 1”, hanno scritto i ricercatori. “Queste osservazioni sottolineano la costante necessità per la sperimentazione di nuove classi di agenti ipoglicemizzanti che sono stati approvati per il trattamento del diabete di tipo 2 in pazienti con diabete di tipo 1”.

Sono necessari ulteriori studi per comprendere le sfide nel trattamento adolescenti e giovani adulti con diabete di tipo 1, secondo i ricercatori.

“I nostri dati mostrano che, mentre i progressi sono stati fatti nel diabete di tipo 1, la condizione rimane un enorme onere, soprattutto nei giovani,” Dana Palla, direttore esecutivo e co-fondatore de Exchange T1D Register Clini, ha detto in un comunicato stampa. “Questo favorisce solo la nostra determinazione per accelerare la ricerca che sta per ridurre l’onere di vivere con tipo 1 e migliorare i risultati.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: