Ricerca

Tripla terapia migliora la glicemia nel diabete di tipo 1

Adv

Nitesh D. Kuhadiya

Tuttavia, i ricercatori hanno avvertito di un possibile rischio di chetoacidosi diabetica.

Nitesh D. Kuhadiya, MD, MPH, della State University di New York a Buffalo, e colleghi, hanno condotto un’analisi retrospettiva di 10 pazienti in materia di monitoraggio continuo del glucosio trattati con insulina, Victoza (liraglutide, Novo Nordisk) e Farxiga (dapagliflozin, AstraZeneca ). Al basale, i pazienti stavano ricevendo liraglutide aggiunta alla terapia insulinica per 11 mesi (in media HbA1c, l’8%, l’età, 56 anni significativa; età della diagnosi di diabete, 29 anni significativa; BMI medio: 29 kg / m2). Dapagliflozin 5 mg al giorno è stato aggiunto al basale e aumentato a 10 mg a 1 settimana.

Al termine di 12 settimane di terapia tripla, i pazienti hanno visto riduzioni di HbA1c media (0,66%, p = 0,0004); livello medio di glucosio (28 mg / dL, p = 0,016); peso corporeo medio (2 kg, p = 0.02) e ‘BMI medio (1 kg / m2, p = 0.02). La dose totale di insulina era 0,7 u / kg al giorno ed è rimasto invariato rispetto al basale. I pazienti hanno registrato un aumento dell’11% del tempo trascorso nel target glicemico con una gamma di 70 mg.dL a 160 mg / dL, mentre il tempo trascorso con i livelli glicemici superiori a 160 mg / dL è diminuito del 13% (P <.05 per entrambi). Nessuna ipoglicemia addizionale è stata osservata (<70 mg / dL).

La chetoacidosi diabetica è stata osservata in un solo paziente, il quale ha mantenuto le normali concentrazioni di glucosio nel sangue entro 48 ore con un aumento della dose di dapagliflozin 10 mg; la dose di insulina di questo paziente era stata ridotta di 0,45 U / kg a 0,39 U / kg (dose totale: 32,9-28,5 unità).

“L’uso di entrambi: liraglutide  e dapagliflozin,  è considerato off-label, al momento attuale, e quindi dovrebbe venire utilizzato solo da un endocrinologo esperto in grado di titolare con attenzione le dosi di insulina, in particolare nei pazienti con diabete di tipo 1 “, ha detto Kuhadiya. “Dobbiamo anche stare attenti a rischio di euglicemia con chetoacidosi diabetica perché  Farxiga riduce anche gli zuccheri nel sangue, ma potrebbe aumentare la chetoacidosi diabetica poiché il fabbisogno di insulina condizionerebbe  la discesa a quel livello critico di 0,5 unità / kg di peso corporeo e seguito. A quel livello gli zuccheri nel sangue potrebbe essere ancora andare bene perché non hanno bisogno di tanta l’insulina, ma è necessario almeno questa quantità per spegnere il processo di chetogenesi “.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: