Complicanze varie/eventuali Ricerca

Iniezioni di cellule staminali migliorano la neuropatia diabetica in modelli animali

Adv

ND

Il loro studio sarà pubblicato in un prossimo numero di Cell Transplantation ed è attualmente disponibile gratuitamente on-line, come uno dei primi inediti ebook (e-pub).

I ricercatori hanno utilizzato cellule staminali mesenchimali, che possono essere facilmente isolate da una varietà di fonti, come tessuto adiposo (grasso), tendini, sangue periferico, sangue del cordone ombelicale e del midollo osseo. MSC derivate dal midollo osseo (BM-MSC) sono stati tra le cellule trapiantate con maggior successo, offrendo benefici terapeutici per una vasta gamma di condizioni, da gravi ustioni alle malattie cardiovascolari, tra cui infarto e ictus.

In questo studio, i ratti di laboratorio modellati con diabete sono stati randomizzati a BM-MSC o gruppi di iniezione salina 12 settimane dopo l’induzione del diabete. Il gruppo di controllo non diabetico di ratti era d’età e sesso-abbinati. DN è stata confermata dalla latenza nel test di velocità di conduzione nervosa.

“Abbiamo studiato se il trapianto locale della BM-MSC potrebbe attenuare o invertire DN sperimentale modulando l’angiogenesi e ripristinare la mielina, la sostanza elettricamente isolante che circonda i nervi che si riduce dalla DN,” ha detto il co-autore Dr Young-sup Yoon, docente del Dipartimento di Medicina, Divisione di Cardiologia presso la Emory University School of Medicine. “In questo studio abbiamo fornito la prima prova che l’iniezione intramuscolare di BM-MSC migra ai nervi e può svolgere un ruolo terapeutico.”

Secondo i ricercatori, i loro risultati indicano che l’iniezione intramuscolare di MSC ha comportato un aumento di molteplici fattori angiogenetici e neurotrofici associati alla crescita dei vasi sanguigni e successivamente aiutato la sopravvivenza dei nervi nei diabetici, suggerendo che il trapianto di BM-MSC ripristina sia la guaina mielinica dei nervi che le celle nel nervo sciatico dei diabetici.

I ricercatori hanno concluso come la DN, per la quale non c’è altra opzione terapeutica, può essere un “obiettivo iniziale per la terapia cellulare”, e che il trapianto di cellule staminali mesenchimali BM- “rappresenta una nuova opzione terapeutica per il trattamento della DN.”

“Attualmente, le uniche opzioni disponibili di trattamento per DN sono palliative (focalizzate sull’alleviare il dolore) in natura, o sono dirette a rallentare la progressione della malattia, mediante uno stretto controllo dei livelli dello zucchero nel sangue”, afferma il dottor John R. Sladek, Jr., Professore Ordinario di Neurologia, Pediatria e Neuroscienze, Dipartimento di Neurologia presso l’Università del Colorado Scuola di Medicina. “Questo studio offre una nuova visione coi benefici della terapia cellulare come opzione di trattamento possibile per una malattia che diminuisce in modo significativo la qualità della vita per i pazienti diabetici. La sicurezza e l’efficacia dell’applicazione sull’uomo devono essere valutate per determinare ulteriormente la fattibilità del trapianto di BM-MSC per il trattamento della DN. “

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: