Ricerca

Diabete tipo 2 : grave ipoglicemia accentua sintomi depressivi

Adv

ipoglicemia

Secondo i ricercatori, i medici dovrebbero essere consapevoli dell’associazione tra depressione e ipoglicemia grave dal momento che sono fattori di rischio per la morbilità e la mortalità nei pazienti con diabete.

Masanori Iwase, MD, PhD, di Kyushu University in Giappone, e colleghi hanno valutato 4.218 pazienti giapponesi con diabete di tipo 2 dal Registro diabete Fukuoka per determinare la relazione tra sintomi depressivi e caratteristiche cliniche. I partecipanti sono stati divisi in quattro gruppi che utilizzano la Scala di Rilevazione della Depressione adottata dal Centro per gli Studi Epidemiologici (CES-D): punteggio di nove o meno, il punteggio di 10 a 15, il punteggio di 16 a 23 e il punteggio di 24 o più.

Informazioni sulla durata del diabete, assunzione di alcol, abitudine al fumo, la durata del sonno, l’attività fisica e ipoglicemia grave durante l’anno precedente allo studio sono stati forniti dai partecipanti attraverso un questionario.

BMI, tempo libero l’attività fisica, abitudine al fumo, la durata del sonno, l’assunzione di saccarosio, saltare la colazione, l’uso di insulina, ipoglicemia grave, disestesia di entrambi i piedi, storia di ulcera del piede, fotocoagulazione, cardiopatia ischemica e ictus sono stati tutti significativamente associati con sintomi multivariati depressivi gravi e successive variazioni.

La prevalenza dell’ipoglicemia grave aumenta in base al punteggio CES-D nei pazienti trattati con sulfoniluree o insulina (p per trend <.0001). Allo stesso modo il risultato non cambia per ipoglicemia grave anche dopo un aggiustamento multivariato per età, sesso, durata del diabete, HbA1c, un trattamento con insulina, auto-monitoraggio della glicemia, l’attività fisica nel tempo libero, il salto di un pasto, disestesia di entrambi i piedi, cardiopatia ischemica e ictus (p per trend <.01).

“In conclusione, questo studio trasversale ha rivelato che l’ipoglicemia grave era positivamente associata con la gravità dei sintomi depressivi nei pazienti giapponesi con diabete di tipo 2 indipendentemente dal risultato del controllo glicemico, della terapia insulinica, dello stile di vita e complicanze diabetiche,” hanno scritto i ricercatori. “Dal momento che l’ipoglicemia grave e la depressione sono noti fattori di rischio per la morbilità e la mortalità nei pazienti con diabete, i medici dovrebbero essere consapevoli di questa combinazione in ambito clinico.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: