Ricerca

Enzima dei lipidi aumenta la sensibilità all’insulina, una potenziale terapia per il trattamento del diabete di tipo 2

Adv

Gli autori della ricerca

Ridurre le alte concentrazioni di una molecola lipidica che si trova comunemente nelle persone con diabete tipo 2 e malattia del fegato grasso non alcolica porta rapidamente a migliorare la sensibilità all’insulina, hanno scoperto i ricercatori del diabetes UT Southwestern Medical Center (Dallas – TX USA).
L’insulina è un ormone cruciale che aiuta il corpo a convertire lo zucchero in energia, assorbire le sostanze nutritive, e ridurre il deposito di zuccheri come grasso. La cattiva e scadente sensibilità all’insulina riduce l’efficacia di questi processi e porta come somma di risultati il diabete e malattia del fegato grasso. I ricercatori della UT Southwestern hanno dimostrato che l’introduzione di un enzima chiamato ceramidasi in topi diabetici ha restituito la loro sensibilità insulinica alla normalità.

“L’ abbassamento delle ceramidi possono anche rendere le persone più sensibili all’insulina”, ha detto l’autore senior Dr. Philipp Scherer, direttore del Centro per la ricerca del diabete Touchstone presso UT Southwestern. “I nostri risultati suggeriscono un nuovo mezzo per un potenziale trattamento del diabete di tipo 2 e steatosi epatica non alcolica”.

Anche se tale terapia attualmente non esiste, il dottor Scherer ha detto una forma di farmaco dell’enzima ceramidasi è fattibile da sviluppare.

I risultati sono descritti nella rivista Cell Metabolism.

Quando il corpo consuma e brucia più acidi grassi, qualche grasso in eccesso viene convertito in ceramide. Quando troppa ceramide si accumula, il lipide interferisce con la segnalazione dell’insulina, con conseguente resistenza all’insulina e, eventualmente, sviluppa il diabete tipo 2 o la steatosi epatica non alcolica.

“Si tratta di un brutto lipide, a volte,” ha detto il dottor Scherer, Professore di Medicina Interna e Biologia Cellulare al Diabetes Research. “Se siamo in grado di abbassare la ceramide, allora crediamo che il metabolismo del corpo tornerà alla normalità.”

Nel loro nuovo studio, gli scienziati hanno dimostrato che inducendo la ceramidasi in topi diabetici si è innescata la degradazione della ceramide in entrambi i tessuti adiposi e nel fegato. Questa azione ha portato alla normalizzazione della sensibilità all’insulina e si aveva lo stesso effetto benefico quando la ceramidasi è stata indotta nelle cellule del fegato o del grasso. La ceramide in eccesso è stata convertita in sfingosina, un altro sottoprodotto lipidico. Sia ceramide che sfingosina sono fonti di energia, ma sono due lipidi con contrario potere di segnalazione metabolica. Troppa ceramide segnala la resistenza all’insulina e l’infiammazione, mentre più sfingosina fa il contrario.

“Questa ricerca suggerisce l’esistenza di una rapida azione” un dialogo incrociato “tra il fegato e tessuto adiposo (grasso) dei tessuti in cui ceramide e sfingosina criticamente regolano il metabolismo del glucosio e l’assorbimento dei lipidi da parte del fegato”, ha detto il dottor Scherer.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: