Ricerca

Due nuovi test che possono rendere la diagnosi e il monitoraggio del diabete più facile e conveniente

Adv

ricerca

A livello globale, il diabete colpisce circa il 9 per cento degli adulti ed è direttamente responsabile di circa 1,5 milioni di decessi ogni anno, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. La maggior parte di queste morti si verificano nei paesi a basso e medio reddito le cui popolazioni hanno meno accesso ai laboratori e cliniche avanzate. Il diabete è anche una delle principali cause di malattie cardiovascolari in tutto il mondo, insufficienza renale, cecità e amputazioni degli arti inferiori.

La prevalenza esatta del diabete gestazionale modulo -a della malattia, che si verifica solo durante la gravidanza – è sconosciuta, ma le stime globali variano dall’1 per cento al 14 per cento di tutte le gravidanze. Nelle donne in gravidanza, il diabete può portare a gravi problemi di salute per la madre e il bambino, in particolare quando rimane non trattato e incontrollato. Le donne con diabete gestazionale sono a maggior rischio di preeclampsia (una condizione caratterizzata da una pericolosamente alta pressione sanguigna e eccesso di proteine ??nelle urine) e di avere parti complicati e potenzialmente letali.

Test rapido per il diabete gestazionale

Un team di ricercatori guidato da Sridevi Devaraj, PhD, direttore di chimica clinica presso l’Ospedale dei bambini del Texas e professore al Baylor College of Medicine di Houston, ha lavorato per determinare se si poteva identificare un nuovo esame del sangue per il diabete gestazionale. I test standard odierni che misurano i livelli di biomarker con l’emoglobina glicata (HbA1c), hanno una limitata l’utilità quando la malattia si sviluppa durante la gravidanza. Il test HbA1c misura la media dei livelli ematici di glucosio del paziente nel corso di un periodo di tre mesi; esso non può essere utilizzato per determinare i valori di glucosio nel sangue di un paziente su un giorno o anche su base settimanale-base. Questo rende difficile per seguire da vicino i livelli di glucosio nel corso delle relativamente poche settimane di gravidanza, soprattutto in considerazione che il diabete gestazionale non viene diagnosticato fino al terzo trimestre.

Usando i campioni di sangue conservati e raccolti da 124 donne in gravidanza, Devaraj ei suoi colleghi hanno misurato i livelli di tre tipi diversi di proteine. Essi hanno scoperto che i livelli di una delle proteine-1,5-Anhydroglucitol (1,5-AG) -Ve erano significativamente differenti tra le donne a cui era stato diagnosticato il diabete gestazionale da quelle che non l’avevano. I ricercatori sono stati in grado di stabilire un determinato livello di cut-off in cui la concentrazione di 1,5-AG è diventato un fattore predittivo affidabile per le donne aventi il diabete.

Uno dei potenziali vantaggi di 1,5-AG come biomarker per il diabete gestazionale è il suo corto “emivita”: due settimane rispetto ai tre mesi dell’HbA1c. “I nostri risultati sono molto preliminari e devono essere confermati in grandi gruppi di donne”, ha detto Devaraj, “ma, se confermati, suggeriscono un possibile approccio nuovo e più immediato per la diagnosi e il monitoraggio del diabete durante la gravidanza.”

Utilizzando i ritagli d’unghia come test di prova per il diabete

Per il secondo studio, un team di ricercatori del Belgio, guidati da Joris R. Delanghe, MD, PhD, del Dipartimento di Chimica Clinica, Microbiologia, Immunologia e all’Università di Gand, ha esaminato se i ritagli di unghie potrebbero essere utilizzati al posto del sangue per diagnosticare e monitorare il diabete. Hanno raccolto ritagli da 25 persone con diabete e 25 persone senza la malattia. Dopo macinazione dei ritagli in polvere, i ricercatori hanno utilizzato uno strumento relativamente economico noto come uno spettrometro per misurare quanto la proteina nelle unghie era legata con molecole di zucchero, un processo noto come glicazione.

“Abbiamo trovato una notevole differenza nelle misure tra il gruppo di controllo ed i pazienti con diabete”, ha detto Delanghe. “Questa scoperta suggerisce che i ritagli di unghie possono servire come uno strumento diagnostico affidabile e non invasivo.”

Questa scoperta ha il potenziale di rendere la diagnosi del diabete molto più semplici e meno costosa. I ritagli delle unghie, a differenza di campioni di sangue, possono essere ottenuti in modo non invasivo. Inoltre occupano poco spazio e possono essere conservati a temperatura ambiente per almeno un mese senza influenzare i risultati dello spettrometro. Tale fattore può rendere questo test proposto particolarmente utile nei paesi a basso e medio reddito, dove i laboratori sono spesso situati molto lontano da dove i pazienti, ha detto Delanghe.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: