Ricerca

Un possibile test dalle urine per individuare precocemente il cancro al pancreas

Adv

Dr Tatjana Crnogorac Jurcevic

Una combinazione di tre proteine ??che si trovano a livelli elevati nelle urine sono in grado di rilevare con precisione il cancro al pancreas in stadio precoce, hanno scoperto i ricercatori britannici. Il ritrovamento potrebbe portare a un non-invasivo e poco costoso test lo screening delle persone ad alto rischio di sviluppare la malattia.

Un team di Barts Cancer Institute, Queen Mary University di Londra, ha dimostrato che le tre-proteina ‘firma’ hanno la possibilità sia di individuare la forma più comune di cancro al pancreas, quando ancora è nelle sue fasi iniziali – che distinguere tra questo tipo di tumore e la condizione infiammatoria cronica di pancreatite, che può essere difficile da distinguere.

Lo studio, pubblicato oggi, [03 agosto] sulla rivista Clinical Cancer Research, è stato finanziato dalla fondazione del Regno Unito: il pancreas Cancer Research Fund. Ricavando da 488 campioni di urina: 192 da pazienti noti per avere il cancro al pancreas, 92 da pazienti con pancreatite cronica e 87 da volontari sani. Un ulteriore 117 campioni di pazienti con altre patologie del fegato e della cistifellea benigni e maligni sono stati utilizzati per ulteriore validazione.

Circa 1500 proteine ??sono state trovate nei campioni di urina, con circa la metà comune a entrambi i volontari maschi e femmine. Di questi, tre proteine ??- LYVE1, REG1A e TFF1 – sono stati selezionate per un esame più approfondito, sulla base di informazioni biologiche e prestazioni in analisi statistiche.

Sono stati trovati pazienti con cancro pancreatico che avevano aumentati i livelli di ciascuna delle tre proteine ??rispetto ai campioni di urina da pazienti sani, mentre i pazienti affetti da pancreatite cronica avevano livelli significativamente inferiori rispetto ai pazienti con cancro. Quando combinate, le tre proteine ??formano un pannello robusto in grado di rilevare i pazienti con cancro al pancreas negli stadi I-II con oltre il 90 per cento di precisione.

Con pochi sintomi specifici, anche in una fase successiva della malattia, oltre l’80 per cento delle persone con cancro del pancreas viene diagnosticato quando il cancro si è già diffuso. Questo significa che non sono ammissibili per un intervento chirurgico fatto per rimuovere il tumore – attualmente l’unico trattamento potenzialmente curativo.

Il tasso di sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi per un cancro al pancreas nel Regno Unito è il più basso di qualsiasi tipo di cancro comune, pari al 3 per cento. Questa cifra è a mala pena migliorata negli ultimi 40 anni. Non esiste un test diagnostico precoce disponibile.

Il capo dei ricercatori, il dottor Tatjana Crnogorac-Jurcevic, ha dichiarato: “Siamo sempre stati interessati a sviluppare un test diagnostico nelle urine in quanto ha diversi vantaggi rispetto a quello col sangue Si tratta di un fluido inerte e molto meno complesso di quello del sangue e può essere ripetuto facilmente oltre a non essere invasivo. Ci è voluto un po’ per ottenere la prova ma ne è valsa la pena visti questi risultati. Si tratta di un pannello biomarker con buona specificità e sensibilità e siamo fiduciosi che un semplice, poco costoso test può essere sviluppato ed essere in uso clinico nei prossimi anni. ”

Anche se non c’è una causa universale di cancro al pancreas, le persone a più alto rischio di sviluppare la malattia sono quelli con una storia familiare di cancro al pancreas, forti fumatori, obesi e le persone sopra i 50 anni con diabete di nuova insorgenza.

“Per un cancro senza sintomi nelle fasi iniziali, è una sfida enorme riuscire a  diagnosticarlo rapidamente prima, ma se siamo in grado, allora si può fare una grande differenza per il tasso di sopravvivenza,” dice il co-autore e direttore del Barts Cancer Institute, il professor Nick Lemoine. “Con il cancro al pancreas, i pazienti sono di solito diagnosticata quando il tumore è già in una fase terminale, ma se diagnosticato in fase 2, il tasso di sopravvivenza è del 20 per cento, e in fase 1, il tasso di sopravvivenza per i pazienti con tumori molto piccoli può aumentare fino al 60 per cento. ”

Il CEO del pancreas Cancer Research Fund, Maggie Blanks, ha dichiarato: “Questo è un dato interessante e speriamo di vedere questa ricerca portata avanti fino ad arrivare al tanto necessario test diagnostico precoce. La diagnosi precoce è una parte importante dei nostri sforzi globali contro questo tipo di tumore aggressivo.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: