Ricerca

La bulimia nervosa legata ad un aumentato rischio di diabete tipo 2

Adv

glicemia

Anu Raevuori, MD, Ph.D., presso l’Università di Helsinki, e colleghi hanno esaminato la prevalenza e l’incidenza del T2D in 2.342 pazienti trattati presso l’Unità disturbo alimentare dell’Università di Helsinki contro 9.368 abbinati nella popolazione generale di controllo con più di 16 anni. Incidenza del T2D è stata esaminata in tre fasi: prima di entrare in trattamento per un disturbo alimentare; dopo aver inserito il trattamento fino alla fine dello studio; e combinate in qualsiasi momento prima, durante e dopo il trattamento.

I ricercatori hanno scoperto che il rischio di T2D è risultato aumentato nei pazienti rispetto (odds ratio, 6.6) ai controlli prima di entrare in trattamento per i disturbi alimentari. La prevalenza una tantum è del 5,2 per cento tra i pazienti alla fine del periodo di studio, rispetto al 1,7 per cento tra i controlli; la prevalenza è risultata significativamente maggiore nei pazienti di sesso maschile rispetto agli stessi di sesso femminile. Entro la fine dello studio, ogni terzo paziente trattato per letto aveva (odds ratio, 12.9)il  T2D e il 4,4 per cento di quelli con BN ha avuto T2D (odds ratio, 2.4)

“I nostri risultati forniscono un forte sostegno nell’associazione tra diabete tipo 2 e un clinicamente significativo binge eating”, gli autori scrivono. “I Disturbi nel Metabolismo del glucosio possono contribuire alla comparsa e mantenimento del BED e BN.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: