Complicanze varie/eventuali

Diabete: urgenza diabulimia

DCANEW ORLEANS, 9 agosto – Endocrinologi ed educatori del diabete devono avere strategie efficaci per la gestione dei pazienti con diabete di tipo 1 che hanno anche disturbi del comportamento alimentare, hanno detto alla vasta platea dei delegati all’AADE 2015, la riunione annuale della American Association of Diabetes Educators.
Mentre l’epidemia diabete continua, medici vedono aumentare paurosamente i pazienti con diabete di tipo 1 i coabitazione con vari disturbi alimentari. Ora sembra che questa popolazione di pazienti può essere notevolmente svantaggiata.
“La maggior parte del tempo, educatori del diabete e / o endocrinologi sono i primi a notare la bandiera rossa ed i sintomi di ED-DMT1 (disturbo alimentare assieme al diabete di tipo 1), e non ci sono informazioni disponibili su cosa chiedere a un paziente e fare con le informazioni ricevute”, ha detto Alba Taylor, PsyD, LP, che è psicologa al Park Nicollet Melrose Center a Saint Louis Park, Minnesota.
Taylor e due dei suoi colleghi affrontato questo argomento nel corso della loro presentazione.
E ‘importante per gli operatori sanitari  aumentare la loro base di conoscenze in modo che siano in grado di riconoscere questa doppia diagnosi, ha detto, aggiungendo che endocrinologi e educatori del diabete hanno bisogno di sentirsi a proprio agio nell’essere parte del processo di trattamento e fiduciosi nel divenire un punto riferimento per il trattamento.
“Abbiamo trovato che è possibile trattare le due malattie separatamente. Esse devono essere trattate insieme da un team esperto; l’approccio a due stati è diverso. Spesso, è difficile per gli operatori che lavorano nella cura del diabete capire perché qualcuno avrebbe  effettivamente scelto di non fare l’insulina quando le conseguenze sono così grave “, ha detto Taylor al corrispondente de Il Mio Diabete.
Il processo di trattamento deve essere considerato dal punto di vista psicologico e medico e con del una prospettiva paziente. La presentazione è  rivolta ai modelli di pensiero degli individui con diabete quando hanno un disturbo alimentare, e come questo è rende diversa la visione nel soggetto con diabete “fuori controllo”.
Una parte di questa presentazione includeva una registrazione vocale di alta qualità delle angosce, pensieri ossessivi che attraversavano la mente del co-presentatore Asha Agar Brown, fondatore di We Are diabetes di Minneapolis, che una volta ha lottato con il suo disturbo alimentare.
“Questo educa il pubblico in un modo che nessun altro punto della presentazione può fare”, ha detto Brown. “Gli educatori del diabete sono in grado di sentire quello che sta succedendo nella testa dei loro pazienti in difficoltà.”
Il co-presentatore Marcia Meier, RN, che è un program manager al Park Nicollet Melrose Center e International Diabetes Center, un tipico ambulatorio di  visita diabetologica ha sottolineato: “questo è un settore che può essere difficile per alcuni medici e richiede molto tempo.
“Molti diabetici, sia di tipo 1 e di tipo 2, sono alle prese con disturbi alimentari. E ‘importante dare a questa preoccupazione l’attenzione che merita, perché non andrà via. E’ anche importante sapere che ci sono molti tipi di disturbi alimentari, non solo omissione d’insulina. Se un endocrinologo si sente come se non avesse gli strumenti o le conoscenze per sostenere uno dei loro pazienti che sta lottando con ED-DMT1, è importante venga supportato dal  sistema sanitario di riferimento.
L’irganizzazione di Brown, We Are Diabetes, raccoglie informazioni sui partecipanti e centri di trattamento che hanno una comprensione del ED-DMT1. Ci sono stati studi pubblicati su questa doppia diagnosi per decenni, Brown ha detto, ma l’effettiva conoscenza su come affrontare e trattare un paziente con diabete che sta lottando con ED-DMT1 è ancora carente.
“Condividere le informazioni su questa condizione che può diventare mortale nella comunità diabetica non è più sufficiente. La gente sta morendo. Siamo in grado di prevenire questo con una corretta educazione e lavorare insieme all’unisono per servire coloro che soffrono “, ha detto Brown.
Taylor ha detto che si stima che il 33% delle ragazze con diabete di tipo 1 avrà un disturbo alimentare. Segni che dovrebbero sollevare le bandiere rosse sono un aumento di HbA1c e un calo del peso, una diminuzione dei test dei livelli di zucchero nel sangue e “dimenticare” il contatore e / o di registrare i dati. Altri segni possono essere anche lunghi periodi di tempo tra gli appuntamenti, ansia da bassi valori glicemici, l’essere pesati.