Complicanze varie/eventuali

La glicemia alta può inibire gli effetti positivi dell’esercizio fisico sulla salute delle ossa nelle persone con diabete di tipo 1

Liyun Wang (in piedi), Professore Associato di ingegneria meccanica con Ashutosh Parajuli, un dottorando al Collegio di Ingegneria alla UD stanno lavorando per quanto concerne la ricerca sulla salute delle ossa nel diabete tipo 1. Credit: Evan Krape

Liyun Wang (in piedi), Professore Associato di ingegneria meccanica con Ashutosh Parajuli, un dottorando al Collegio di Ingegneria alla UD stanno lavorando per quanto concerne la ricerca sulla salute delle ossa nel diabete tipo 1. Credit: Evan Krape

Il diabete, che oggi colpisce mezzo miliardo di abitanti della terra, può causare gravi complicazioni alla salute, tra cui malattie cardiache, cecità, insufficienza renale e amputazioni degli arti inferiori.

Una complicazione meno noto ma altrettanto grave è l’effetto del diabete riguarda la salute delle ossa.
“Gli studi clinici hanno rivelato un sorprendente innalzamento del rischio di fratture nei pazienti diabetici”, dice Liyun Wang, professore associato di ingegneria meccanica presso l’Università del Delaware. “Le fratture ossee possono essere un pericolo per la vita, quasi uno su sei pazienti con frattura dell’anca muore entro un anno dall’infortunio.”
Perché l’esercizio fisico è dimostrato di migliorare le proprietà delle ossa e ridurre il rischio di fratture nelle persone non diabetiche, Wang e il suo gruppo di ricerca ha deciso di trovare la risposta testando la sua efficacia nel diabete di tipo 1.
I risultati del loro studio sono riportati in un articolo dal titolo: “Le risposte delle ossa al carico meccanico sono alterate nel diabete di tipo 1,” sulla rivista Bone,e pubblicato online il 13 luglio scorso.
Wang spiega che gli osteociti, o cellule ossee, sono fondamentali per il mantenimento della qualità del tessuto e l’integrità meccanica del tessuto osseo. Come le cellule primarie “rilevano la meccanica”, gli osteociti orchestrano i processi di adattamento dell’osso sotto segnali meccanici come l’esercizio fisico.
“Abbiamo il sospetto che la risposta del tessuto osseo diabetico al carico meccanico sarebbe compromessa a causa di una rilevazione meccanica alterata degli osteociti provocata dall’iperglicemia, o glicemia alta, come condizione,” dice.
Lo studio ha dimostrato che la formazione ossea indotta dall’esercizio fisico è stata mantenuta nei topi diabetici mediamente ad un livello simile a quello dei controlli non diabetici, mentre gli effetti positivi dell’esercizio erano quasi nulli nei topi affetti da forma grave di diabete. A livello cellulare, i ricercatori hanno scoperto che l’iperglicemia riduce la sensibilità degli osteociti alla stimolazione meccanica e secrezione di proteine portando alla soppressione degli osteociti stessi» e delle molecole di segnalazione che aiutano a costruire un osso forte.
“Il nostro lavoro dimostra che l’osso diabetico può rispondere a reagire con l’esercizio quando l’iperglicemia non è grave, il che suggerisce come gli interventi meccanici possono essere utili per migliorare la salute delle ossa e ridurre il rischio di fratture nei pazienti diabetici colpiti lievemente”, dice Wang.
“Venendo a lui dall’altra parte, i nostri risultati sottolineano l’importanza di mantenere un buon controllo della glicemia nei pazienti diabetici in modo che l’esercizio può fare il suo lavoro per mantenere la salute delle ossa.”
Per tradurre i risultati dello studio per la cura del paziente, la squadra di Wang ha iniziato a collaborare con il dottor Jim Lenhard, direttore del Centro per il Diabete e Malattie del Metabolismo presso Christiana Care.
“La diminuzione della resistenza ossea e un aumento di fratture da fragilità è una delle complicanze del diabete riconosciute, ma poco note al pubblico”, dice Lenhard.
Il piano di collaborazione tra l’Università del Delaware e Christiana Care è quello di valutare questi risultati della ricerca negli esseri umani e ampliare lo studio per includere altre complicazioni del diabete, come le malattie cardiovascolari.
“La principale causa di morte nel mondo è la malattia cardiovascolare, e la maggior parte delle persone con diabete morirà per questo”, Lenhard aggiunge.