Ricerca

Il trapianto di isole si mostra come promessa di cura nel diabete di tipo 1

Adv

trapiantoisole

I risultati di questo studio sono pubblicati nel numero di settembre di Diabetes Care.

Sandrine Lablanche, medico al Grenoble University Hospital in Francia, e colleghi hanno valutato 44 pazienti arruolati negli studi GRAGIL-1c e GRAGIL-2  nel trapianto di isole per determinare il controllo metabolico, la funzione del trapianto e gli esiti sulla sicurezza dopo 5 anni.

Le due prove sono state condotte tra il 2003 e il 2010 dal consorzio GRAGIL, una rete svizzero-francese composta da vari centri di trapianto che facilitano l’approvvigionamento del pancreas, il reclutamento dei destinatari, le procedure di trapianto e follow-up. Il GRAGIL-1c è focalizzato sulla isolotto dopo il trapianto di rene e il GRAGIL-2 riguarda solo il trapianto di isole.

Dei 44 pazienti analizzati, il 54,5% ha subito il trapianto di sole isole  e il 45,5% è stato sottoposto a doppio trapianto di isolotto e rene. I pazienti sono stati somministrati una massa isolotto per un  totale di + 9,715.75 equivalenti a  3,444.4  isole (IEQ) / kg di peso corporeo. Trentaquattro pazienti hanno completato il follow-up di 5 anni, e 10 pazienti completato con 4 anni di follow-up.

I ricercatori hanno scoperto che ad un anno di distanza dal trapianto di isole, l’83% del gruppo con solo trapianto di isole e l’80% del gruppo di isole più rene aveva raggiunto un livello di HbA1c inferiore al 7% e senza più ipoglicemia grave. A 4 anni, il 67% del gruppo con solo trapianto di isole e il 70% del gruppo di isole e rene hanno raggiunto l’obiettivo composito nel controllo della HbA1c e nessuna grave ipoglicemia. A 5 anni, il 58% del gruppo con solo trapianto di isole e il 60% del gruppo di isole più rene ha mantenuto un livello di HbA1c inferiore al 7% ed erano privi di ipoglicemia grave.

Il 75% dei partecipanti ha raggiunto l’indipendenza dall’insulina ad un certo punto durante del follow-up, con una durata mediana di insulino-indipendenza a 19,25 mesi. Almeno un evento avverso è stato registrato nell 66% dei partecipanti, con il 33% dei 55 eventi avversi potenzialmente correlati all’immunosoppressione. 84 complicazioni per quanto riguarda l’infusione d’isolotto sono state osservate in 10 pazienti.

“In conclusione, il trapianto di isole all’interno della rete multicentrica GRAGIL rete ha fornito benefici clinici importanti e durevoli per i pazienti con diabete di tipo 1, che consente il miglioramento della variabilità glicemica e previene l’insorgenza di ipoglicemia grave”, hanno scritto i ricercatori. “I vantaggi del trapianto di isole sono un po’ offuscate dalla diminuzione dell’insulino-indipendenza a lungo termine e gli eventi avversi correlati con l’immunosoppressione. Sicurezza dell’immunosoppressione e ulteriori strategie per promuovere la sopravvivenza a lungo termine del trapianto di isole o di altre fonti di isolotti resta un requisito assoluto per migliorare i risultati trapianto di isole e aumentare la disponibilità della procedura “-.

Su questo argomento potrete sentire in diretta l’opinione della massima autorità scientifica mondiale in materia: il prof. Camillo Ricordi, a Bologna ospite del Rotary nella serata del 23 settembre.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: