Ricerca

Le cellule immunitarie possono aiutare nella lotta contro l’obesità

Adv
immunecellsm

Mentre uno stile di vita sano e “buoni geni” sono noti per aiutare a prevenire l’obesità, una nuova ricerca pubblicata il 15 settembre in Immunity indica che alcuni aspetti del sistema immunitario possono anche svolgere un ruolo importante. Nel nuovo studio, gli scienziati hanno osservato che i topi privi di una particolare tipo di cellule immunitarie hanno guadagnato peso in eccesso e sviluppato anomalie metaboliche, anche quando hanno consumato una dieta standard.

Il rapporto tra il metabolismo ed il sistema immunitario ha ricevuto una crescente attenzione negli ultimi anni. Precedenti studi hanno trovato che alcune cellule immunitarie contribuiscono a controllare il rilascio o la conservazione di energia del tessuto adiposo. Inoltre, le cellule di grasso producono diverse molecole infiammatorie che possono interferire con l’equilibrio stabilito da un sistema immunitario normale. A causa di questo, alcuni esperti considerano l’obesità essere una patologia autoimmune, una malattia infiammatoria.

Studiando i meccanismi immunologici che stanno alla base controllo metabolico del tessuto adiposo, Yair Reisner, del Weizmann Institute of Science in Israele, e i suoi colleghi hanno scoperto che ai topi che mancavano di alcune cellule immunitarie dendritiche che rilasciano una molecola tossica chiamata perforina acquisivano peso progressivamente e le caratteristiche esposte della sindrome metabolica.

Gli animali avevano anche una collezione alterata di cellule immunitarie T che risiedono nel loro tessuto adiposo. L’esaurimento su queste cellule T ha impedito ai topi che non avevano le cellule dendritiche-perforina esprimendo l’aumento di peso o di sviluppare anomalie metaboliche. “In particolare, i topi privi di queste cellule dendritiche regolatorie sono stati trovati anche a essere più inclini nel sviluppare un’altra forma di autoimmunità con sintomi simili a quelli trovati nella sclerosi multipla”, Reisner aggiunge.

Queste osservazioni suggeriscono che combinate le funzioni di queste cellule dendritiche-perforina si esprimo rimuovendo le cellule T potenzialmente autoimmuni, e così facendo, diminuiscono l’infiammazione. Mentre la connessione tra le cellule grasse e infiammazione è già stato dimostrata in topi alimentati con una dieta ad alta percentuale di grassi, questa è la prima volta che i ricercatori hanno dimostrato la connessione in animali con una dieta normale, semplicemente eliminando l’espressione delle cellule dendritiche-perforina.

I risultati indicano che le cellule dendritiche-perforina sono fondamentali per la protezione contro la sindrome metabolica e l’autoimmunità, e spostando l’abbondanza di queste cellule in relazione ad altre popolazioni di cellule immunitarie si può aiutare a prevenire o trattare tali condizioni.

“E ‘difficile prevedere come questo potrebbe influire nella cura del paziente, ma ci dovrebbe inizialmente cercare di trovare se l’assenza di questa rara sottopopolazione di cellule è associata con l’obesità, sindrome metabolica, o qualsiasi condizione autoimmune o di altre anomalie del sistema immunitario”, spiega Reisner.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: