Batticuore

Jardiance riduce il rischio di morte cardiovascolare, per tutte le cause di mortalità negli adulti con diabete di tipo 2 e la storia CVD

Adv

Jardiance

Annunciando i risultati dello studio finale EMPA-REG, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, in 42 paesi, i ricercatori hanno detto che Jardiance (empagliflozin, Boehringer Ingelheim), in combinazione con le cure standard, ha ridotto il rischio di morte cardiovascolare del 38% rispetto al placebo, senza differenze significative nel rischio di non fatale infarto miocardico o ictus. I pazienti trattati con empagliflozin hanno anche sperimentato una riduzione del 32% per tutte le cause di mortalità e un rischio di riduzione del 35% del rischio di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca, secondo i ricercatori.

“I risultati sono stati molto sorprendenti”, ha detto Silvio Inzucchi, MD, professore di endocrinologia e direttore del Diabetes Center di Yale alla Yale School of Medicine. “Non avevo previsto una cosa simile. In realtà, mi sono dichiarato pubblicamente e ho pensato che i risultati dello studio sarebbero rimasti neutrali … sono rimasto scioccato. ”

Silvio E Inzucchi MD

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale con somministrazione di 10 mg empagliflozin (n = 2.345), 25 mg empagliflozin (n = 2.342) o placebo (n = 2.333). L’endpoint primario è stato definito come il tempo di prima occorrenza di una morte cardiovascolare, infarto miocardico non fatale; il processo è continuato fino a che almeno 691 partecipanti hanno sperimentato un evento di esito primario. I ricercatori hanno utilizzato i rischi proporzionali di Cox per analizzare gli esiti CV, e seguito i partecipanti per una media di 3,1 anni.

Durante il periodo di trattamento, i pazienti hanno sperimentato una riduzione del rischio di morte cardiovascolare, con un HR di 0,65 per i pazienti assegnati a 10 mg empagliflozin (95% CI, 0,5-0,85) e un HR di 0,59 per i pazienti assegnati a 25 mg empagliflozin (95% CI, 0,45-0,77), per un HR combinato di 0,62 (95% CI, 0,49-0,77). L’HR per non fatale è stato 0,87 (95% CI, 0,7-1,09), mentre per ictus non fatale è stato 1.24 (95% CI, 0,92-1,67).

L’ospedalizzazione per insufficienza cardiaca è diminuita per i pazienti con empagliflozin assegnato (HR = 0,65 combinata; 95% CI, 0.5-0.85); i pazienti ha visto anche una riduzione della mortalità per qualsiasi causa (HR = 0.68 combinata; 95% CI, 0,57-0,82).

C’era un tasso maggiore per le infezioni genitali in pazienti assegnati con empagliflozin; tuttavia, non vi era alcun aumento nella frequenza di ipoglicemia, chetoacidosi diabetica o danno renale acuto, hanno detto i ricercatori. I ricercatori hanno anche osservato nessun aumento di fratture ossee, un evento avverso di particolare interesse in studi simili.

“EMPA-REG ha studiato un gruppo ad alto rischio di persone, e credo che questo sia estremamente importante da ricordare,” Hertzel C. Gerstein, MD MSc, FRCPC, professore endocrinologia nel reparto di medicina presso la McMaster University, ha detto nei commenti a seguito della presentazione dei dati dello studio. “Empagliflozin riduce chiaramente la morte cardiovascolare, senza alcun dubbio per tutti noi. E ‘molto chiaro, e inizia a ridurre questi risultati entro 3 mesi “.

Il meccanismo dietro la riduzione del rischio CV è stato discusso durante la presentazione, con i ricercatori che speculavano sulle proprietà diuretiche del farmaco, in combinazione con gli effetti benefici di una maggiore pressione sanguigna, valori di HbA1c inferiori e la perdita di peso, possono aver portato alla riduzione del rischio CV e, in definitiva, della morte cardiovascolare.

“Il processo EMPA-REG ha identificato una terapia che può salvare molte vite e ridurre molta sofferenza”, ha detto Gerstein. “I risultati sono stati inaspettati e servono chiaramente ad aprire nuove ricerche, per ampliare la percentuale positiva dell’esito finale.”

I risultati  sono stati anche pubblicati nel New England Journal of Medicine

Uscendo dall’analisi scientifica si apre un capitolo industriale e commerciale: saranno in grado Boehringer  Ingelheim e Lilly a fare fronte alla domanda oceanica già alimentata con gli annunci sui media e in rete di poche settimane fa? Lo scopriremo vivendo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: