Terapie

Tre innovazioni offrono speranza per una maggiore sicurezza dei farmaci in futuro

Adv

Pillole

Le reazioni avverse al farmaco sono un fatto sempre presente in tutto il ciclo di una terapia e sotto stretta osservazione da parte degli operatori sanitari e degli organi di vigilanza in tutto il mondo, ma ci sono due preoccupazioni oggi da cogliere: i farmaci diventano sempre più complessi nelle loro modalità di azione e l’invecchiamento della popolazione abbinato a una maggiore varietà di farmaci da prendere.

E ‘stato stimato che uno su sette pazienti puà soffrire di una reazione avversa al farmaco. Inoltre, un recente rapporto della British Pharmacological Society ha richiamato l’attenzione dei tanti ricoveri ospedalieri associati a reazioni avverse al farmaco, che sono stimati prudenzialmente ad avere un costo in eccesso di £ 637.000.000 (999.000.000 $, 877 milioni di euro) ogni anno nella sola Inghilterra.
Le reazioni avverse sono visti in pazienti di tutte le età, anche se i più giovani e anziani sono a maggior rischio. Essi sono un problema sia nel mondo sviluppato che in via di sviluppo, e non si limitano alla medicina convenzionale, in quanto possono verificarsi con terapie alternative e complementari.
Gli scienziati coinvolti nella scoperta e nello sviluppo di nuovi farmaci sono sempre più bravi a identificare le reazioni avverse comuni al farmaco. Tuttavia, identificando l’intera gamma di reazioni più rare che potrebbero verificarsi, per esempio, come risultato di un farmaco che interagisce con altri farmaci in una determinata persona presenta ovviamente una sfida molto maggiore.
Fortunatamente, tre nuove innovazioni attive nello sviluppo dei farmaci e il monitoraggio della salute potrebbero contribuire ad affrontare questa sfida. Queste innovazioni sono:
Cartelle cliniche elettroniche, che sono sempre più utilizzati per memorizzare i dati del paziente e sono una risorsa preziosa per gli scienziati;
Informatica: strumenti statistici computerizzati in grado di analizzare i dati provenienti da cartelle cliniche e altre fonti, come ad esempio studi accademici e anche i social media, nell’individuare le tendenze nascoste a reazioni avverse al farmaco;
La medicina personalizzata, in cui viene utilizzata l’informazione genetica per indirizzare farmaci a popolazioni di pazienti molto particolari.
“Informatica e grandi basi di dati gestionali offrono forme uniche di rilevamento del segnale per trovare nuovi modelli di eventi avversi, mentre ci sono nuove prospettive sia in vitro che da studi epidemiologici validi nel suggerire come identificare meglio i pazienti e le popolazioni ad aumentato rischio”, spiega Michael Rieder, professore di farmacologia clinica presso l’Università del Western Ontario, in Canada, e uno degli autori dello studioredazione. “Queste innovazioni offrono un grande potenziale per l’identificazione, il trattamento e, auspicabilmente, la prevenzione delle reazioni avverse al farmaco nella ricerca comune di una migliore terapia farmacologica per tutti.”
“Data l’importanza dei farmaci nella medicina moderna, la crescente consapevolezza dell’impatto delle avverse reazioni e il potenziale di innovazione in farmacologia clinica per ridurre questo rischio, un problema tema della British Journal of Clinical Pharmacology era a mio avviso importante, non solo per affrontare l’onere, ma anche per puntare le indicazioni verso il miglioramento nella sicurezza dei farmaci “, aggiunge.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: