Complicanze varie/eventuali

Malattia polmonare può aumentare il rischio di insulino-resistenza, diabete

FumoNumerosi studi hanno identificato l’obesità e la cattiva alimentazione come fattori di rischio per l’insulino-resistenza e diabete. Un nuovo studio aggiunge un altro fattore di rischio alla oramai lunga lista: la malattia polmonare infiammatoria. Pubblicato sull’American Journal of Physiology -Regulatory, Integrative e Comparative Physiology, lo studio riporta che l’infiammazione dei polmoni è sufficiente per indurre il processo infiammatorio in tutto il corpo che può portare alla resistenza all’insulina.

Gli individui con malattie polmonari infiammatorie, come l’asma e polmonite, spesso hanno alti livelli di glucosio nel sangue (zucchero) e presentano insulino-resistenza. Tuttavia, questi individui hanno spesso anche le condizioni come l’obesità o il trattamento con steroidi che li predispongono a fattori di rischio diabete. I ricercatori della Vanderbilt University hanno cercato di determinare se avendo solo una malattia polmonare potrebbe aumentare la probabilità di sviluppare i fattori di rischio di diabete.

Pubblicità e progresso

I ricercatori hanno osservato che i topi con infiammazione delle vie aeree hanno pure sviluppato la flogosi nel fegato e altri organi. Sebbene la segnalazione dell’insulina in questi topi era normale, la stessa è meno efficace nel controllare la glicemia: e l’insulina non ha soppresso la produzione di glucosio da parte del fegato, e così facendo è stata moderatamente alterata in altri organi. I topi aveva segni di insulino-resistenza, dimostrando che l’infiammazione nei polmoni può contribuire alla resistenza all’insulina e alla glicemia alta, secondo i ricercatori. Le terapie che riducono l’infiammazione polmonare per trattare le conseguenti lesioni agli organi respiratori possono avere l’ulteriore vantaggio di ridurre il rischio di infiammazione in tutto il corpo e la resistenza all’insulina, i ricercatori hanno scritto.

Lo studio “infiammazione delle vie aeree dipendente da NF-kB-attivo e sistemica insulino-resistenza” è pubblicato prima della stampa in American Journal of Physiology -Regulatory, Integrative e Comparative Physiology.

Il noto andrologo di Buffalo: Patrick Van Der Pac MD, ha detto ai margini di questa ricerca “non mi resta che toccarmi i genitali poiché al momento sembrano essere l’unica parte anatomica non colpita dal diabete”.