Ricerca

I ricercatori scavano per capire la causa del diabete nel cane

CarlinoCome molti altri animali, il migliore amico dell’uomo non è immune a sviluppare il diabete. Ma una nuova ricerca suggerisce che, mentre la malattia nei cani è simile al diabete di tipo 1 nelle persone, ci sono alcune differenze significative tra uomini e le bestie.

“Cani prendono il diabete a un ritmo piuttosto significativo, circa allo stesso tasso degli esseri umani per il diabete di tipo 1. Ma la incontreranno più avanti nella vita”, ha spiegato lo studio l’autore Dr. Jake Kushner, capo del reparto diabete ed endocrinologia pediatrica al Baylor College of Medicine di Houston.
Utilizzando tecniche allo stato dell’arte di imaging, i ricercatori sono stati in grado di guardare il tessuto del pancreas da 23 cani con diabete e 17 cani senza la malattia. Il pancreas è un organo che contiene le cellule chiamate insulari. Tali celle contengono cellule beta che producono l’ormone insulina, necessario per trasformare gli zuccheri degli alimenti in combustibile per il corpo.
Come gli esseri umani con diabete di tipo 1, cani sviluppano il diabete dopo una drammatica perdita di cellule beta. Senza un numero significativo di cellule beta, il pancreas non è in grado di produrre abbastanza insulina. Quindi l’insulina deve essere sostituita attraverso iniezioni.
Ma i ricercatori hanno scoperto alcune differenze fondamentali quando hanno scavato più in profondità.
“Ci sono state delle sorprese”, ha detto Kushner. “I cani avevano molto pochi isolotti. Nell’uomo e topo, ci sono spesso isolotti residui, ma questi cani ne avevano molto pochi a sinistra. Ciò suggerisce una sorta di processo molto aggressivo nel distruggere quelle cellule.”
Tuttavia, i ricercatori non hanno trovato evidenza di infiammazione o un attacco autoimmune delle cellule delle isole, come accade con gli esseri umani. Kushner ha detto d’essere possibile che stessero cercando troppo tardi nel corso della malattia per vedere l’attacco autoimmune, e questa rimane una questione aperta per la ricerca.
Gli autori dello studio hanno anche trovato una grande differenza nella composizione delle cellule insulari. Negli esseri umani senza diabete, le cellule beta costituiscono poco più del 50 per cento delle cellule insulari. In cani sani, i ricercatori hanno scoperto che le cellule pancreatiche erano costituiti da cellule beta per circa l’80%.
Questa scoperta potrebbe spiegare perché i cani sviluppano il diabete in età avanzata. “Se iniziano con una maggiore offerta di cellule beta, questo può dare loro un tempo più lungo prima di sviluppare la malattia”, ha spiegato l’autore dello studio il dottor Rebecca Hess, un veterinario e direttore di medicina interna presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università della Pennsylvania a Philadelphia.
Lo studio ha anche rilevato che “l’architettura delle isole nei cani è più simile agli isolotti umani, in netto contrasto con ratti e topi”, ha detto Hess. Nei cani, le cellule beta sono diffuse in tutto le isole come negli esseri umani. Nei roditori, le cellule beta sono concentrate nel centro delle isole, secondo i ricercatori. Questa scoperta suggerisce che i cani potrebbero essere un modello animale migliore per il diabete di tipo 1 dei roditori, gli autori hanno aggiunto.
Dottor Joel Zonszein è direttore del centro clinico del diabete al Montefiore Medical Center di New York City. Egli afferma: “Anche se il diabete nel cane assomiglia al tipo 1 negli esseri umani, che non hanno lo stesso processo infiammatorio visto nel tipo 1 degli esseri umani. Nei cani, non capiamo ancora che cosa lo fa scattare. E, l’anatomia delle isole è completamente diversa nei cani “, ha spiegato.
“Questo è un bel studio, ma dobbiamo ancora saperne di più,” Zonszein aggiunto.
I risultati sono stati pubblicati online recentemente sulla rivista PLoS One. Il team di ricerca è stato condotto da Emily Shields, che è attualmente uno studente laureato presso l’Università di Perelman School of Medicine della Pennsylvania.
Anche se questo studio non porterà a cambiamenti nella gestione del diabete nei cani, per ora, esso offre nuove informazioni e le indicazioni per la ricerca futura, gli autori hanno sottolineato.
Così tutte queste informazioni cosa dicono ai proprietari di cani? Alcune razze hanno un rischio maggiore di diabete, tra cui Samoiedo nano, Schnauzer nano, Yorkshire nano e i Poodles, Carlini e i Terrier australiani, Hess ha detto.
Purtroppo, non ci sono al momento alcun modo affidabile per prevenire il diabete nei cani. Ma Hess ha consigliato ai proprietari di cani di essere alla ricerca di segni e sintomi del diabete, soprattutto se si dispone di un vecchio cane.
Come negli esseri umani, i segni principali del diabete sono aumento della sete e della minzione. “I cani con diabete possono avere bisogno di essere portati fuori più spesso del solito, o possono avere incidenti in casa”, ha detto Hess.
Ha suggerito che un incidente in casa in un cane addestrato già ben merita una visita dal veterinario per assicurarsi che nulla è sbagliato, e questo risulta particolarmente vero se il cane ha anche perso peso recentemente senza essere messo a dieta.
La buona notizia è che è facile per il veterinario diagnosticare, ed è “molto curabile” con iniezioni di insulina, Hess ha detto. Ha anche sottolineato che i cani non sembrano sensibili agli stessi tipi di complicazioni del diabete che gli esseri umani hanno.
“I cani possono vivere abbastanza bene con il diabete,” ha detto.