Ricerca

Pancreas artificiale: altro test importante

Adv

pancreas artificiale

In uno studio incrociato e randomizzato condotto in Francia, Italia e Paesi Bassi tramite la valutazione a casa di un pancreas artificiale monormonnale durante la sera e la notte, i ricercatori hanno anche scoperto che gli episodi di ipoglicemia sono stati significativamente ridotti per gli adulti assegnati con sistema ad ansa chiusa.

“Questo studio è il primo in cui il controllo del glucosio è stata studiato per un periodo prolungato e non solo durante la notte, e comprendeva il difficile periodo post-cena,” Jort Kropff, MD, del centro medico accademico presso l’Università di Amsterdam, e colleghi ha scritto. “Sebbene le concentrazione di glucosio medio durante la sera non era differenti tra il circuito chiuso e microinfusore con sensore nel periodo, l’uso di controllo ad anello chiuso ha ridotto significativamente il tempo trascorso al di sotto dell’obiettivo in questa fascia di tempo.”

Kropff e colleghi hanno analizzato i dati di 32 adulti con diabete di tipo 1 utilizzando la terapia con microinfusore (età media 47 anni; 18 uomini, BMI medio, 25,1 kg / m²; HbA1c, 8,2% medio; durata del diabete, 28.6 anni) tra aprile e dicembre 2014. Tre pazienti nella coorte stavano usando un monitoraggio continuo del glucosio (CGM) prima dell’inizio dello studio; Sono stati esclusi i pazienti con ipoglicemia grave o chetoacidosi nel corso dell’anno passato.

Nel corso di due periodi di studio di 8 settimane, gli adulti sono stati assegnati con un sistema di pancreas artificiale (Dexcom G4 Platinum CGM e pompa per insulina Accu-Chek Spirit Combo collegati ad uno smartphone modificato con un algoritmo di controllo predittivo del modello) da utilizzare dalla cena fino a tutta la notte, e sesnsore con microinfusore durante il giorno il tutto in condizioni di vita libera. Tutti i partecipanti hanno utilizzato entrambe le terapie; l’ordine delle due sessioni sono state assegnate in modo casuale. I partecipanti non hanno avuto restrizioni sul loro attività quotidiane.

I ricercatori hanno trovato che i partecipanti sono riusciti a trascorrere più tempo nell’intervallo di riferimento durante l’utilizzo del pancreas artificiale rispetto alla terapia con solo sensore e pompa (66,7% vs 58,1%; differenza in coppia, 8,6%) attraverso una riduzione del tempo medio trascorso in entrambi i casi d’iperglicemia e ipoglicemia. C’è stata una riduzione significativamente maggiore della HbA1c nei partecipanti che hanno utilizzato il pancreas artificiale contro gli altri con sola pompa e sensore (-0,3% rispetto al -0,2%; differenza in coppia, -0,2%).

Non ci sono stati gravi eventi avversi durante il periodo di studio.

Nel commento che accompagna lo studio, Laurent Legault, MD, FRCP, endocrinologo presso l’ospedale di Montreal, ha detto che lo studio dimostra come il pancreas artificiale è sicuro ed efficace per la messa in opera a casa, e sono necessari studi con impiego della tecnologia a lungo termine in ambito domestico (oltre un anno).

“Resta da vedere se l’uso di questa tecnologia porta a miglioramenti sostanziali delle concentrazioni di HbA1c superiori a 3 mesi o più”, ha detto Legault. “Gli studi per rispondere a questa domanda sono attualmente in corso.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: