Terapie

Meno sodio nei farmaci

saleL’università di Dundee ha messo in evidenza alti livelli di sale nel farmaci comunemente prescritti ai pazienti con un aumentato rischio di eventi cardiovascolari e così sì giunti a raccomandare un cambiamento a livello europeo nella legislazione sull’etichettatura per i farmaci.

Pubblicità

Lo studio del 2013, condotto dal dottor Jacob George dalla Scuola dell’Università di Medicina a fianco di collaboratori provenienti da University College di Londra, ha dimostrato che milioni di pazienti hanno introiettato livello superiori ai limiti giornaliere raccomandati per il sodio, senza alcun apporto dietetico aggiuntivo.

Molti farmaci comunemente prescritti hanno sodio aggiunto per migliorare il loro assorbimento nel corpo, ma il sale in eccesso è dannoso per la salute del cuore. Il dottor George ed i suoi colleghi hanno confrontato il rischio di eventi cardiovascolari (attacco non fatale al cuore, ictus non fatale, o morte vascolare) nei pazienti che assumono farmaci effervescenti, dispersibili e solubili contenenti sodio con le stesse versioni senza questo componente, analizzando un periodo ricompreso tra il 1987 e il 2010.

Nel complesso, i pazienti che assumono farmaci con contenuto di sodio effervescenti, dispersibili e solubili avevano un 16 per cento di aumentato rischio di un attacco di cuore, ictus o morte vascolare rispetto ad altri pazienti che prendono versioni senza della stessa tipologia  di farmaci.

Come risultato, i ricercatori hanno che il pubblico sia avvertito circa i potenziali pericoli di elevato apporto di sodio dai farmaci prescritti per le formulazioni di sodio in essi contenuti facendo attenzione se i benefici superano i rischi percepiti. Hanno anche chiesto che il contenuto di sodio nei farmaci venga chiaramente espresso in etichetta allo stesso modo degli alimenti.

L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha ora utilizzato questa richiesta per raccomandare un cambiamento a livello continentale nell’etichettatura per tutti i farmaci prodotti, venduti, distribuiti e consumati in Europa.

Il dottor George ha detto, “Siamo lieti che la nostra ricerca ha avuto questo impatto e portato l’ EMA a raccomandare questa azione. E ‘fondamentale che il pubblico abbia le informazioni corrette sulla medicina si sta prendendo per garantire che non porti a più gravi complicazioni per la salute.

“La prescrizione di queste formulazioni di sodio contenute deve essere fatta con cautela, e i pazienti devono essere attentamente monitorati per la comparsa di ipertensione e problemi cardiaci. Prendendo la dose massima giornaliera di alcuni farmaci si può aumentare significativamente le probabilità di eventi cardiovascolari quindi questo è una questione importante per la salute pubblica e ci è sembrato di vitale interesse per il contenuto di sale dei farmaci etichettarli come viene fatto per gli alimenti. ”

Nello svolgimento delle loro attività di ricerca, il dottor George e la sua squadra hanno considerato gli elementi che possono influenzare i risultati, come indice di massa corporea, fumo, assunzione di alcol, la storia di varie malattie croniche e l’uso di alcuni altri farmaci.

I pazienti con alta pressione sanguigna avevano sette volte probabilità in più di vedersi prescritti farmaci ad alto contenuto di sale e i tassi generali di mortalità sono stati anche del 28 per cento superiore in questo gruppo. Questi eventi sono in gran parte guidati da un aumento del rischio di ipertensione e ictus.

Citando questo studio, il comitato di farmacovigilanza e valutazione del rischio dell’EMA ha raccomandato che l’etichettatura dei medicinali deve essere aggiornata per rendere il contenuto di sodio più chiaro per i pazienti e gli operatori sanitari. Essi hanno convenuto che i farmaci che contengono sodio sopra di una certa soglia dovrebbero essere chiaramente etichettati come ad alto contenuto dello stesso e le modifiche dovrebbero entrare in vigore al più presto in tutta l’Unione.

Pubblicità