Ricerca

Proteina ‘sensore’ potrebbe aiutare a combattere l’obesità e il diabete tipo 2

RicercatoriMelbourne, i ricercatori hanno identificato un ‘sensore’ interno che aiuta a combattere l’obesità istruendo le cellule a bruciare le loro riserve di grasso. La scoperta potrebbe avere un ruolo importante nella lotta contro l’obesità e le malattie metaboliche, tra cui il diabete di tipo 2.

Pubblicità

Nello studio, i ricercatori hanno mostrato che una proteina, chiamata NLRP1, si accende quando è aumentata l’energia (cibo) e l’apporto dietetico attiva la cellula a diventare ‘instabile’. Attivare la proteina innesca una catena di eventi che ordina alle cellule di utilizzare le loro riserve di energia o grasso per evitare l’accumulo di grassi in eccesso.

La ricerca, guidata dal dottor Seth Masters del Walter di Melbourne e dell’Eliza Hall Institute e dottor Andrew Murphy, dottor Michael Kraakman dall’DI Heart and Diabetes Institute è stato pubblicato oggi sulla rivista Cell Metabolism .

Il dottor Masters ha detto che NLRP1 è un sensore biologico il quale potrebbe essere la chiave per lo sviluppo di nuovi modi nel trattamento dell’obesità e diabete di tipo 2.

“NLRP1 è un sensore biologico in grado di reagire e di prevenire l’obesità e la sindrome metabolica, che stanno causando un peso drammaticamente crescente della malattia in tutto il mondo”, ha detto il dottor Masters.

“Il sensore si attiva se viene rilevato che l’assunzione di energia del corpo è troppo alta. Quando viene attivato il sensore, racconta le cellule a bruciare le riserve di grasso per evitare l’eccesso accumulo di grasso. Abbiamo dimostrato che senza NLRP1, depositi di grasso continuano a costruire, in particolare con una dieta ad alta energia, che porta all’obesità. ”

Dr Master ha detto che la proteina NLRP1 era più comunemente nota per il suo ruolo nel sistema immunitario. “Tuttavia è sempre più chiaro che le proteine ??di segnalazione del sistema immunitario hanno anche un ruolo importante nella regolazione del metabolismo.”

Il dottor Murphy ha aggiunto che la collaborazione tra due dei principali istituti di ricerca australiani in immunologia e metabolismo hanno fornito nuove intuizioni sull’obesità. “Questo studio fornisce prove convincenti che il sistema immunitario si attiva, non solo durante l’infezione, ma anche in risposta alla perdita di ‘equilibrio’ metabolico associato ad una dieta ad alta energia”, ha detto il dottor Murphy.

“Al fine di combattere l’epidemia obesità in tutto il mondo è fondamentale comprendere i meccanismi immunitari che l’organismo utilizza per prevenire l’obesità, insulino-resistenza e lo sviluppo del diabete di tipo 2”.

La chiave per NLRP1 ed i suoi effetti anti-obesità è data dal controllo di importanti ormoni-lipidi che regolano la chiamata di interleuchina-18 (IL-18), il dottor Murphy ha detto. “Abbiamo dimostrato per la prima volta che NLRP1 è la chiave per la produzione di IL-18,il  che spiega come agisce per ridurre l’obesità.”

“Il nostro obiettivo a lungo termine potrebbe essere quello di sviluppare una piccola molecola che attiva il percorso per la produzione di IL-18. Nelle persone obese, questo aiuterebbe il corpo per accendere il sistema e bruciare le riserve di grasso esistente.”

Tuttavia i ricercatori hanno avvertito che il trattamento dovrebbe essere strettamente controllato per evitare potenziali effetti collaterali, ha detto dottor Masters. “La nostra ricerca ha dimostrato che l’attivazione di NLRP1 potrebbe essere aggravata da alcune diete, e ha rilevato come ci sia un giusto equilibrio tra l’aumentata capacità di bruciare i grassi delle cellule e i danni causati.”

“Ciò ci mostra quanto sia attiva la via e l’importanza se si sta guardando in senso terapeutico. Si suggerisce che il trattamento sarebbe più sicuro se somministrato in piccole dosi per un lungo periodo di tempo, per cui è meno probabile avere conseguenze potenzialmente negative. “

Pubblicità