Ricerca

Attenzione: Gli stereotipi possono essere nocivi per la salute

Cleopatra Abdou Uno studio nazionale guidato da un ricercatore dell’Università del Sud California ha trovato che le persone vivono la minaccia di essere giudicati da stereotipi negativi relativi a peso, età, razza, sesso o classe sociale e in fatto di sanità queste segnalazioni producono effetti avversi. I ricercatori hanno scoperto che queste persone si trovavano con una maggiore probabilità di avere ipertensione, di essere depressi e vivere male il proprio stato di salute. Gli stessi erano anche più diffidenti nei confronti dei loro medici, si sentivano insoddisfatti della cura, e con meno probabilità di utilizzare una prevenzione altamente accessibile, tra cui, ad esempio, il vaccino antinfluenzale.

L’assistenza sanitaria è minacciata dagli stereotipi più comuni su scelte non salutari nello stile di vita o da livelli di intelligenza inferiore che possono essere perpetuati, spesso involontariamente, dagli operatori sanitari o anche da campagne di salute pubblica. Sebbene i messaggi di salute hanno lo scopo di aumentare la consapevolezza sui problemi della sanità collettiva o tendenze che possono influenzare specifiche comunità, una implicazione di questo studio è come questi messaggi possono ritorcersi contro, ha detto l’autore Cleopatra Abdou, professore di psicologia presso la Davis School di Gerontologia Psicologia della USC.

“Un sottoprodotto indesiderato delle campagne di salute pubblica è che spesso comunicano e rinforzano gli stereotipi negativi su alcuni gruppi di persone”, ha detto Abdou. “Come risultato, possono inavvertitamente alimentare le esperienze di ciò che chiamiamo ‘minaccia dello stereotipo sanitario,’ il quale può influenzare l’efficacia dell’assistenza sanitaria e persino indurre alcuni pazienti ad evitare del tutto le cure.”

Come esempio, ha citato Abdou le campagne sulla salute riproduttiva nelle donne afro-americane e le altre donne di colore, la salute sessuale della comunità LGBTQ, la depressione tra le donne, i problemi di memoria negli anziani, nonché le informazioni riportate all’interno dei percorsi informativi sul diabete tipo 2 ove lo stereotipo spesso la fa da padrone. Tali messaggi possono rafforzare ed ingrandire la lente negativa attraverso la quale questi gruppi di persone sono comunemente visualizzati nella società, ha detto.

“Non è che non ci sono preoccupazioni per la salute reale in comunità specifiche: dobbiamo fare di più, molto di più nell’affrontarle, ma il modo in cui comunichiamo, su questi problemi è fondamentale”, ha detto Abdou.

Abdou e il suo team hanno esaminato circa 1.500 persone nel quadro dello stato di salute degli Stati Uniti. Più del 17 per cento degli intervistati ha dichiarato di sentirsi vulnerabile al pregiudizio per quanto riguarda identità razziale o etnica, genere, status socio-economico, il peso o l’età in ambito sanitario. Le persone che si sentivano minacciate sulla basa di una diversa identità avevano una visione peggiore della salute rispetto alle altre che si sentivano minacciate sulla base di una sola identità.

Abdou ha detto che la sfida è ora quella di trovare il modo di informare tutte le persone, comprese quelle a maggiore rischio, su come vivere in modo più sano, più felice, e ottenendo una vita più lunga riducendo al minimo l’esperienza degli effetti dello stereotipo nelle cure sanitarie.

“E ‘tempo per noi di mettere in atto politiche che migliorino la formazione nella scuola di medicina in competenze culturali e aumentare la diversità dei nostri medici e personale sanitario in modo più ampio”, ha detto Abdou.