Ricerca

Nonostante i progressi i diabetici di tipo 2 devono ancora affrontare un rischio elevato di morte

Pubblicità

GlicemiaIn vista della Giornata Mondiale del Diabete del 14 novembre 2015 pubblichiamo questo importante studio a ricordarci, per il diabete di tipo 2, quanta strada c’è ancora da fare per “catechizzare” la gente ad essere più responsabile e affrontare di petto i problemi senza rinviarli o peggio ignorarli. Caro Roberto invita i tuoi compatrioti a farlo nelle piazze italiane a cominciare da te in Bologna il 14 novembre prossimo!

Nonostante i progressi i diabetici di tipo 2 devono ancora affrontare un rischio elevato di morte rileva uno studio recente

Pubblicità

Ecco perché è indispensabile mangiare bene, controllare la pressione sanguigna e il colesterolo, smettere di fumare, dicono i medici.

La scienza medica ha fatto enormi progressi nel prolungare la vita delle persone con diabete di tipo 2. Ma la prognosi rimane ancora a livelli scadenti per i pazienti che non tengono i loro livelli dello zucchero nel sangue sotto controllo, secondo i risultati di uno studio svedese su larga scala.

Le persone con diabete di tipo 2 portano con sé un rischio aumentato del 15 per cento di morte prematura rispetto alle persone sane, secondo quanto hanno fatto emergere nei risultati di una indagine pubblicati il 29 ottobre sulla questione nel New England Journal of Medicine.

Le quote non sono grandi, ma sono molto meglio di quanto non lo fossero non più tardi di 15 anni fa, ha detto il capo degli studiosi il Dr. Marcus Lind, un medico presso l’Università di Göteborg in Svezia.

“Fino al 2000, l’eccesso di rischio di mortalità nei soggetti con diabete di tipo 2 è stato generalmente considerato essere raddoppiato rispetto alla popolazione generale, il che implica un rischio raddoppiato di decesso durante gli anni successivi”, ha detto Lind.

Ora, il tasso di mortalità generale per i diabetici è “sceso a livelli storicamente bassi,” ha aggiunto.

Tuttavia, il rischio è molto più alto nelle persone di età inferiore ai 65 anni, quelli che controllano male i loro livelli di zucchero nel sangue, e coloro i quali hanno subito danni renali con diabete di tipo 2, evidenziano i ricercatori.

Il risultato è questo: idiabetici di tipo 2 devono fare la loro parte nella gestione della condizione, se vogliono i benefici che i progressi della medicina hanno ottenuto, ha dichiarato il Dr. Robert Ratner, direttore scientifico e medico per l’American Diabetes Association.

“Se si sviluppa il diabete, ci sono prove che l’attenzione al controllo del glucosio [glicemia] e di altri fattori di rischio cardiovascolare dalla loro comparsa sono in grado di ridurre il rischio di morte in ogni individuo”, ha detto Ratner.

Il nuovo studio ha utilizzato i dati del Swedish National Diabetes Register per confrontare il tasso di mortalità tra le  435.000 persone con diabete di tipo 2 con quelle di un gruppo di controllo sano fatto di 2,1 milioni di persone.

Il diabete di tipo 2 si verifica quando il corpo perde la sua capacità di utilizzare efficacemente l’insulina, un ormone che aiuta il processo di trasformazione dello zucchero nel sangue in combustibile per le cellule. I pazienti possono finire con elevati livelli di glucosio nel sangue, che sono nocivi per molti sistemi e organi in tutto il corpo.

I diabetici di tipo 2 di età inferiore ai 65 hanno un rischio di mortalità sostanzialmente maggiore di quello dei diabetici più anziani, secondo i risultati dello studio. L’eccesso di rischio di morte è da due a tre volte più alto tra quelli di età inferiore ai 55 anni, rispetto ai diabetici di età compresa tra 65-75.

“Quello che si inizia a vedere è l’aumento del rischio di mortalità nel diabete è più alto se si è più giovani”, ha detto Ratner. “L’impatto significativo è negli individui di età inferiore ai 75, e diventa progressivamente maggiore in relazione al calo d’età.”

Gli autori dello studio hanno ipotizzato che i tassi di mortalità più elevati osservati tra i diabetici più giovani potrebbero essere dovuti, in parte, a qualche lacuna nella cura offerta a queste persone.

Scarso controllo dei livelli di zucchero nel sangue può fare così male rendendo la situazione ancora peggiore per i diabetici più giovani, i ricercatori hanno scritto.

Chiunque non è riuscito a imbrigliare il diabete attraverso i cambiamenti dello stile di vita, l’insulina o i farmaci affronta un rischio notevolmente aumentato di morte, ha detto il co-autore Dr Mikhail Kosiborod. un cardiologo al Mid America Heart Institute di Saint Luke e professore di medicina presso l’Università del Missouri-Kansas City.

“Se si guardano i dati, indipendentemente dall’età notiamo, a prescindere da tutto il resto, che un peggiore controllo glicemico cammina di pari passo a un più alto è il tasso di mortalità”, ha detto Kosiborod.

Ma i diabetici sotto i 55 con zucchero nel sangue scarsamente controllato ha un più che quadruplicato aumento del rischio di morte precoce, rispetto alle persone sane. Tale rischio è del 55 per cento più alto per i diabetici che non si sono preoccupano di gestire il proprio diabete, i risultati hanno mostrato.

Infine rischio di morte schizza a razzo se un paziente con diabete mal controllato porta con sé pure il danno alla funzione renale, hanno detto i ricercatori.

I diabetici di età inferiore ai 55 anni con malattia renale allo stadio terminale hanno 14 volte probabilità in più  di morire di una persona sana, secondo lo studio.

Le malattie renali allo stadio terminale moltiplica anche di sette volte il rischio di morte per i diabetici tra i 55 a 64 anni d’età, e di sei volte per i diabetici dai 65 ai 74, i ricercatori hanno riscontrato.

“La malattia renale e peggiora la funzione dei reni e sono enormi fattori di rischio per la mortalità generale, indipendentemente dalla fascia di età”, ha detto Kosiborod.

Kosiborod ha concluso che “il forte messaggio da parte dei nostri dati è che se sei un giovane paziente, c’è molto che si può fare per proteggere la tua salute.”

Questi passaggi includono: mangiare bene, smettere di fumare, e controllare i livelli della pressione sanguigna e colesterolo, ha detto.

Ma la cosa migliore che una persona può fare è cercare di evitare di diabete di tipo 2, in primo luogo, Kosiborod aggiunto.

La prevenzione del diabete di tipo 2 è possibile, ha detto. “Gli studi clinici hanno dimostrato che gli interventi aggressive ed intensivi sullo stile di vita possono prevenire il diabete. Si dovrebbe fare  tutto il possibile per prevenire questa condizione prima che si verifichi”, ha detto Kosiborod.