Ricerca

Telefono per medico

Pubblicità

SmartphonePreoccupato di essere a rischio diabete? Controlla il tuo telefono: potrebbe aiutarti a fermare la malattia. E se hai già il diabete? Il telefono potrebbe anche aiutarti a monitorare la tua condizione a casa.

E’ la metà del pomeriggio. Si sente il trillo di una chiamata in arrivo un messaggio di testo sul telefono. Lo prende in mano, pensando fosse da un amico.

Pubblicità

Saltare la prima colazione vi farà mangiare troppo a pranzo.

Ah, sì, questo deve essere il professor Ambady Ramachandran. Non l’ho mai incontrato e non mi conosce personalmente, ma lui mi ha mandato questa utile promemoria, perché sono uno degli oltre 20 milioni di indiani ad alto rischio di sviluppare il diabete di tipo 2. Domani, dice, devi fare in modo di mangiare prima di andare a lavorare.

“Sembra paradossale che una cosa semplice come i messaggi di testo potrebbero aiutare ad evitare di sviluppare il diabete,” dice il professor Nick Wareham, direttore del (MRC) Epidemiology Unit del Medical Research Council presso l’Università di Cambridge. E tuttavia, l’evidenza suggerisce che potrebbe funzionare.

Nel 2013, Ramachandran, che ha fondato e gestisce un ospedale dedicato al diabete a Chennai, in India, ed è presidente della Indian Foundation Diabetes Research, ha riportato i risultati di uno studio il quale ha trovato quasi un terzo in meno di uomini nel gruppo ad alto rischio di sviluppo del diabete grazie all’aver ricevuto tra due e quattro testi a settimana con consigli su dieta e esercizio fisico.

“Questo è un grande – e sorprendente – effetto”, afferma Wareham. E l’India, come in molti altri paesi del mondo, ha bisogno di qualcosa di grande (e, possibilmente, sorprendente) per aiutare ad affrontare il crescente onere del diabete e obesità. Recenti stime indicano che ci sono 68 milioni di persone le quali vivono con il diabete in India, la maggior parte con diabete di tipo 2. Una miscela di cattiva alimentazione e mancanza di esercizio fisico, basso peso alla nascita, seguito da una rapida crescita, e predisposizione genetica – gli indiani tendono a sviluppare il diabete in un basso indice di massa corporea rispetto ai caucasici – significa che il diabete è due volte più comune in India che in Europa.

Mentre le strategie mirate per le persone ad alto rischio sono suscettibili di essere efficace, non c’è modo che potessero essere estese a 20 milioni di persone, dice Wareham. “Se dovessi consigliare individualmente molte persone, sarebbe insostenibile. Semplici, pragmatiche, approcci scalabili sono gli unici ad essere fattibili.”

Lo studio di Ramachandran ha coinvolto un campione relativamente piccolo, ma promettente per lui e Wareham, e così hanno unito le forze per vedere se i messaggi di testo potevano essere scalati fino a un numero maggiore, con il sostegno della MRC e  Consiglio indiano per la ricerca medica. Un braccio ulteriore dello studio, portato avanti dall’Imperial College di Londra, sta esaminando se lo stesso concetto potrebbe essere usato nel Regno Unito.

Wareham e colleghi utilizzano una combinazione di un punteggio di rischio da loro sviluppato, che prende in esame fattori come l’età, il sesso e il peso, e un semplice esame del sangue per identificare le persone in pericolo di sviluppare il diabete: questi sono gli individui a cui sono mirati parte dei messaggi di testo.

E’ la pervasività dei telefoni cellulari in grado di fare questo schema di lavoro: ci sono quasi un miliardo di telefoni cellulari in India – il paese è secondo solo alla Cina. Gli smartphone sono ancora molto meno comuni, e solo una persona su sei nel paese ne possiede uno, ma questi dovrebbero aumentare in modo significativo, rendendo potenzialmente l’India il secondo più grande mercato mondiale.

Se, come previsto, gli smartphone decolleranno, si potrebbero ottenere la risposta per aiutare quelle persone che sfortunatamente hanno sviluppato il diabete a monitorare la loro condizione, dice Chris Lowe, Professore Emerito di Biotecnologie presso il Dipartimento di Ingegneria Chimica e Biotecnologie a Cambridge.

“Siamo interessati a sviluppare la diagnostica appropriata per le misurazioni da casa o in studio medico, senza la necessità di uno specialista”, dice Lowe. Per oltre un decennio, si è cercato di rendere gli ologrammi “intelligenti”, che sono sensibili a sostanze chimiche o composti biologici.

Diversamente gli ologrammi tradizionali sono bidimensionali, gli ologrammi Lowe sono tridimensionali, creati da un impulso laser di un nanosecondo in un gel, sospesi in nanoparticelle d’argento. Le nanoparticelle di argento si dispongono in piani, dando all’ologramma un particolare colore. Ma quando il glucosio – da un campione di sangue o di urina – entra in contatto con l’ologramma, si lega ai sensori all’interno del gel, noto come recettore, causando l’espansione o contrazione dell’ologramma; i piani si muovono più vicini o più lontani e la luce emessa dal ologramma cambia colore, andando verso il blu o rosso dello spettro.

“Potete vedere questi cambiamenti visivamente, ma per aumentare la precisione è necessario essere in grado di quantificare il cambiamento, e questo è il punto dove gli smartphone entrano in gioco,” dice. Utilizzando la fotocamera del telefono e una applicazione scaricabile, potrebbe essere possibile fornire una misura accurata del livello di glucosio nel corpo. Il suo collega dottor Gita Khalili Moghaddam sta lavorando su un software che consenta all’applicazione di operare in un contesto del mondo reale, compensando la variabilità fra i telefoni e l’ambiente.

La tecnologia funziona in modo simile ai codici QR – i modelli di piazza in bianco e nero che, una volta acquisito su un telefono, si reindirizzano alle informazioni online. In realtà, dice Moghaddam, gli ologrammi possono essere essi stessi codici QR. “È possibile salvare le informazioni del paziente nel codice QR olografico, in modo che quando si esegue la scansione e invia i suoi livelli di glucosio, incorporando in questo sono i suoi dati,” dice.

Lowe e colleghi stanno esplorando i modi di fornire gli ologrammi, dalle strisce di ologrammi attraverso lenti a contatto che misurano il glucosio nel fluido lacrimale come surrogato per i livelli dello zucchero nel sangue, e anche di avere ologrammi che possono essere tatuati sulla pelle. Questo potrebbero anche farla finita con la necessità di prendere sangue con test dal dito.

Nonostante la natura hi-tech di questa tecnologia, parte della sua bellezza sta nel costo. Gli ologrammi possono essere prodotti in serie ad un costo molto basso – anche se sono stati integrati in lenti a contatto di uso quotidiano, il costo sarebbe trascurabile, il che li rende particolarmente attraenti nei paesi in via di sviluppo. Al momento, i pazienti hanno bisogno di strumenti speciali per monitorare i loro livelli di glucosio – in settori quali l’India rurale, questi sono spesso dati via, ma il loro costo deve poi essere incorporato in strisce usa e  getta utilizzate dagli strumenti.

“Con gli ologrammi intelligenti, non esiste alcuno strumento”, afferma Lowe. “E ‘solo il vostro smartphone. E presto, quasi tutti avranno uno di quelli.”