Donne e diabete

Migliorare il supporto necessario per le mamme con diabete gestazionale

Adv

gravidanza

Recentemente   il Robinson Research Institute dell’Università di Adelaide tramite il dottor Emer Van Ryswyk, ha condotto una revisione di più di 40 studi provenienti da Australia, Stati Uniti, Canada, Europa, Brasile e in Asia, ed ha esaminato quello che ha influenzato le donne quando si tratta di far ricorso all’assistenza sanitaria relativamente al loro diabete gestazionale.

Parlando in relazione in vista della Giornata mondiale del diabete (Sabato 14 novembre), il dottor Van Ryswyk afferma come lo studio ha rilevato che le donne potrebbero trarre vantaggio da una migliore istruzione, nonché più positivi e proattivi servizi sanitari dal momento della diagnosi fino a ben dopo la nascita del loro bambino.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Diabetes Research and Clinical Practice.

“5-8% delle donne sviluppano il diabete gestazionale quando sono in gravidanza, e per queste donne, il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 a 10 anni dalla gravidanza è del 20-50%”, spiega Van Ryswyk.

“Precedenti studi hanno trovato esserci un basso assorbimento da parte dell’assistenza sanitaria post-parto per le donne che hanno sperimentato il diabete gestazionale. In particolare, gli studi hanno trovato che le donne spesso non fanno un test vitale per lo screening sul diabete di tipo 2 test dopo aver partorito”, ha dice.

Il dottor Van Ryswyk dice che la cura e attenzione data ad una donna da prima della diagnosi del diabete gestazionale può influenzare le probabilità di di partecipazione alle cure post partum.

“E ‘importante riconoscere che una diagnosi di diabete gestazionale può essere molto stressante per una madre. Può essere associata con la perdita di una ‘normale’ o ‘perfetta’ esperienza di gravidanza, ricevere informazioni e consulenza in modo adeguato dovrebbero essere rese disponibili,” afferma il dottor Van Ryswyk.

“Le donne accompagnate a valutate interazioni positive con il personale clinico, danno una risposta costruttiva ai consigli. Critiche e ipotesi relative alle scelte alimentari e allo stile di vita sono viste come controproducenti, e scoraggiano le donne dal chiedere un parere in futuro.

“Inoltre, questa recensione ha individuato la necessità di servizi proattivi. Dopo il parto, le donne sistemano nella vita in funzione del ruolo di nuova madre, o nella prospettiva di avere un bambino in più, e questo può contribuire a loro di trascurare la propria salute per il bene dei figli.

“Le donne hanno espresso l’opinione di poter trarre vantaggio da essere direttamente contattate per test proattivi di screening del diabete e appuntamenti di consulenza, follow-up  per sostenerle nella prevenzione del diabete di tipo 2”, ha detto.

Il dottor Van Ryswyk  spera che queste scoperte condurranno a migliori servizi per le donne.

“Lo scopo di mettere i risultati degli studi insieme in una revisione sistematica è quello di scoprire cosa potrebbe essere migliorato, dal punto di vista delle donne che hanno avuto il diabete gestazionale”, spiega Van Ryswyk.

“Ora che abbiamo fatto questo, possiamo comunicare i risultati ai servizi sanitari per promuovere più accettabili, e quindi più efficaci, servizi per le donne”, dice.

Fornito da Università di Adelaide

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: