Vista e dintorni

Lucentis efficace per retinopatia diabetica proliferante

Sanguinamento nei vasi sanguigni anomali nel centro dell'occhio a causa di retinopatia diabetica proliferativa. Credit: National Eye Institute

Sanguinamento nei vasi sanguigni anomali nel centro dell’occhio a causa di retinopatia diabetica proliferativa. Credit: National Eye Institute

Uno studio clinico tra più di 300 pazienti ha rilevato che il farmaco ranibizumab (Lucentis) è altamente efficace nel trattamento della retinopatia diabetica proliferante (PDR), una complicanza del diabete che può danneggiare gravemente la vista fino a portare alla cecità. I risultati, pubblicati dal Journal of American Medical Association, dimostrano in anteprima mondiale l’importanza della terapia per la condizione  sul lungo periodo (40 anni).

Finanziato dal National Eye Institute (NEI) e condotto dalla Rete sulla Ricerca Clinica nella retinopatia diabetica (DRCR.net), il processo iniezioni di Lucentis rispetto alla classica terapia con il laser chiamata fotocoagulazione panretinica, rimasta il gold standard per la il trattamento della complicanza oculare diabetica dalla metà -1970s. Anche se la terapia laser conserva la visione centrale, può danneggiare la visione laterale e notturna, per cui i ricercatori hanno cercato vie alternative per ovviare questi effetti collaterali.

I risultati dello studio “forniscono la prova cruciale per una sicura ed efficace alternativa alla terapia laser contro PDR (retinopatia diabetica proliferante)”, ha detto Paul A. Sieving, MD, Ph.D.

“I pazienti che hanno ricevuto Lucentis hanno mostrato un migliore visione centrale, e minor perdita della visione laterale, e sostanzialmente meno rischi per la chirurgia rispetto ai pazienti che hanno ricevuto il trattamento laser,” ha dichiarato Lloyd Paolo Aiello, MD, Ph.D., direttore del Beetham Eye Institute presso Joslin Diabetes Center e professore di Oftalmologia presso la Harvard Medical School. “Questi risultati cambieranno le opzioni terapeutiche disponibili per i pazienti con PDR.”

I danni da retinopatia vasi sanguigni della retina fotosensibile nella parte posteriore dell’occhio sono la complicanza più diffusa tra i diabetici di entrambi i tipi. Come la malattia peggiora, i vasi sanguigni possono gonfiarsi e perdere la loro capacità di funzionare correttamente. La retinopatia diabetica proliferativa avviene quando la mancanza di flusso di sangue nella retina aumenta la produzione di una proteina chiamata fattore di crescita vascolare endoteliale (VEGF), che può stimolare la crescita di nuovi vasi sanguigni anomali. Questi nuovi vasi sono inclini al sanguinamento nel centro dell’occhio, talvolta richiedono una procedura chirurgica chiamata vitrectomia per eliminare il sangue. I vasi sanguigni anomali possono anche causare cicatrici e distacco della retina. Non trattata, la PDR è associata ad alto rischio di perdita della vista. Lucentis rappresenta uno dei diversi farmaci che bloccano gli effetti del VEGF.

Il dottor Aiello e George King, MD, Chief Scientific Officer presso Joslin Diabetes Center e Professore di Medicina alla Harvard Medical School, è pioniere nello studio della VEGF nella retinopatia diabetica, a partire dai primi anni 1990. (Il suo lavoro ha seguito la distinta e tradizionale tecnica del Joslin nella fotocoagulazione laser di base  sviluppata nel 1960 dal padre del dottor Aiello, Lloyd M. Aiello, MD, e il nonno, William P. Beetham, MD)

Circa 7,7 milioni di cittadini negli Stati Uniti hanno la retinopatia diabetica, una delle principali cause di cecità tra gli americani in età lavorativa.

Dr Ajello

Dr Ajello

Il DRCR.net ha arruolato 305 partecipanti (394 occhi) con PDR in uno o entrambi gli occhi tra 55 centri clinici in tutto il paese. Gli occhi sono stati assegnati in modo casuale al trattamento con Lucentis o laser. Circa la metà degli occhi assegnati al gruppo laser richiedeva più di un ciclo di trattamento laser. Nell’altro gruppo, il Lucentis è stato iniettato nell’occhio una volta al mese per tre mesi consecutivi, e poi, se necessario fino a quando la malattia non veniva risolta o stabilizzata.

Lucentis è comunemente iniettato per trattare l’maculare diabetico (DME) – l’accumulo di fluido nel centro della retina-studio ha permesso l’uso di Lucentis per DME nel gruppo laser, se necessario. Poco più della metà (53 per cento) degli occhi nel gruppo laser ha ricevuto iniezioni di Lucentis per il trattamento del DME. Circa il 6 per cento degli occhi nel gruppo Lucentis ha ricevuto la terapia laser, per lo più per questioni diverse da DME.

A due anni, la visione nell gruppo Lucentis è migliorata da una media di circa mezza linea su un grafico oculare, e nessun cambiamento nel gruppo laser.

I partecipanti trattati con laser generalmente tendono a perdere la visione periferica, ma non succede le iniezioni, ha sottolineato Jennifer Sun, MD, MPH, professore associato di Oftalmologia presso la Harvard Medical School e medico presso l’Eye Institute Beetham.

Nel complesso, i benefici del farmaco sono particolarmente evidenti per le persone sia con PDR e DME. “Sappiamo che questo farmaco contribuisce a trattare entrambe le condizioni contemporaneamente, quindi è un trattamento alternativo particolarmente attraente per i suddetti pazienti”, ha osservato il dottor Aiello.

“Lucentis dovrebbe essere considerata una valida opzione nel trattamento per le persone con PDR, soprattutto per le persone che necessitano di anti-VEGF per la DME”, ha detto Jeffrey G. Gross, MD, della Carolina Retina Center di Columbia, Carolina del Sud, che ha presieduto lo studio clinico.

Lo studio ha anche suggerito che Lucentis può aiutare a prevenire la DME. Tra le persone senza questa condizione all’inizio dello studio, solo il 9 per cento degli occhi trattati con Lucentis l’ha sviluppata, rispetto al 28 per cento nel gruppo laser. Gli scienziati daranno seguito a risultati ottenuti come DRCR.net e continuare a monitorare i pazienti per un un arco di tempo di cinque anni.

Uno studio clinico separato, ora in corso, esaminerà se le iniezioni anti-VEGF fatte in una fase precedente all’esordio della malattia oculare diabetica può aiutare a prevenirla nelle persone in via di sviluppo sia di DME che di PDR, il dottor Aiello ha detto .

Il processo ha riferito oggi “è un importante studio che potrebbe cambiare sostanzialmente il nostro approccio al trattamento della PDR,” ha riassunto il dottor Sun. “Il laser ha ancora un ruolo nel trattamento della PDR per alcuni pazienti, ma la terapia anti-VEGF ci offre un altro strumento nella nostra ricerca per il successo nel mantenimento della visione per i nostri pazienti con diabete.”

Maggiori informazioni: Journal of American Medical Association

Fornito da Joslin Diabetes Center