Terapie

Una pillola di insulina promette di essere la nuova forma di terapia del diabete tipo 1 e 2

Amrita Banerjee ha tra le dita la capsula enterica con le patch di insulina-caricate. Credit: Sonia Fernandez

Amrita Banerjee ha tra le dita la capsula enterica con le patch di insulina-caricate. Credit: Sonia Fernandez

Una pillola di insulina in fase di sviluppo da parte dei ricercatori dell’Università della California a Santa Barbara potrà nel prossimo futuro dare un’altra opzione di gestione dello zucchero nel sangue a coloro che soffrono di diabete. La tecnologia di somministrazione del farmaco può valere anche per un ampio spettro di altre terapie.

Pubblicità

“Con il diabete, c’è una grande necessità di somministrazione della terapia per via orale”, ha detto Samir Mitragotri, professore presso il Dipartimento di Ingegneria Chimica, che è specializzato nella somministrazione di farmaci mirati. “La gente prende l’insulina più volte al giorno e fare tante iniezioni con aghi è una grande sfida.”

Molti diabetici necessitano di diverse punture giornaliere di insulina al dì per tutta la vita. Per coloro che non amano gli aghi, le iniezioni provocano disagio e possono costituire un enorme ostacolo, ha detto Amrita Banerjee, un ricercatore post-dottorato nel laboratorio Mitragotri. “Si può portare a cattiva gestione del trattamento e le complicazioni che portano all’ospedalizzazione,” ha detto.

Una pillola, dicono i ricercatori, potrebbero eludere il disagio connesso con l’ago, mentre potenzialmente fornire una dose più efficace.

“Quando si fa l’insulina per iniezione, passa prima attraverso il flusso sanguigno periferico e poi alla circolazione del sangue nel fegato,” spiegato Mitragotri. La consegna per via orale prenderebbe una via più diretta, ha aggiunto, e, da un punto di vista fisiologico, migliore.

Una pillola facile da ingoiare

Le capsule sono riempite con patch mucoadesivi. Credit: Sonia Fernandez

Le capsule sono riempite con patch mucoadesivi. Credit: Sonia Fernandez

Mentre i farmaci per via orale per aiutare il corpo con la produzione di insulina sono in circolazione da un bel po’, una pillola che rilascia insulina resta un obiettivo molto ricercato come farmaco per il diabete. Il principale ostacolo al suo sviluppo è stato sempre oltre l’ambiente ostile proteolitico dello stomaco e dell’intestino che distrugge la proteina stessa. Per impedirne la distruzione In questo caso, la chiave è una combinazione di capsule gastroresistenti e patch polimeri mucoadesivi caricati d’insulina che sono stati ottimizzati per Banerjee come parte della sua ricerca. La nuova pillola ha dimostrato la capacità di sopravvivere agli acidi dello stomaco con la protezione del rivestimento enterico della capsula e la consegna del suo carico al piccolo intestino. Lì, la capsula si apre per rilasciare le patch che aderiscono alla parete intestinale, impedendo l’accesso degli enzimi proteolitici all’insulina e, con l’aiuto di un enhancer di permeazione, depositano l’insulina che può passare attraverso il sangue.

“Questo è il primo passo essenziale per dimostrare che queste patch sono in grado di fornire insulina”, ha detto Mitragotri. Come qualsiasi altra terapia, tuttavia, deve subire ulteriori fasi di test e di miglioramento prima di poter essere considerata come un trattamento vitale per il diabete.

Secondo i ricercatori, le patch mucoadesive caricate col farmaco sono promettenti anche per altre forme di terapia.

“Siamo in grado di fornire molte proteine che vengono attualmente iniettati”, ha detto Mitragotri. Altre terapie a base di proteine, quali ormoni della crescita, anticorpi e vaccini potrebbero potenzialmente essere messi in forma di patch per la consegna indolore e una migliore compliance del paziente, ha aggiunto.

 

Fornito da Università della California – Santa Barbara

Pubblicità