Ricerca

La risposta dei livelli dello zucchero nel sangue agli alimenti sono altamente individuali

VariazioniSushi o gelato? Quale dei due fa schizzare la glicemia? Secondo uno studio dell‘Istituto Weizmann riportato nel numero 19 novembre della rivista Cell, la risposta varia da persona a persona. Lo studio ha costantemente monitorato i livelli di zucchero nel sangue in 800 persone per una settimana, rivelando come la risposta del corpo a tutti gli alimenti era altamente individuale.

Lo studio, chiamato Customer Nutrition, è stato condotto dai gruppi del Prof. Eran Segal di Informatica e Matematica Applicata e il Dr. Eran Elinav del dipartimento di immunologia. Segal ha detto: “Abbiamo scelto di concentrarci sulla glicemia perché i livelli elevati sono un importante fattore di rischio per il diabete, l’obesità e la sindrome metabolica Le enormi differenze che abbiamo trovato nella crescita dei livelli di zucchero nel sangue tra persone diverse le quali avevano consumato pasti identici. le scelte alimentari sono più propense ad aiutare le persone a rimanere in buona salute secondo consigli dietetici universali “.

In effetti, gli scienziati hanno scoperto che le persone hanno risposto in modo molto diverso sia a pasti semplice che complessi. Ad esempio: un gran numero di livelli di zucchero nel sangue dei partecipanti è salito bruscamente dopo aver consumato un pasto con un contenuto standard di carboidrati, ma in molti altri i livelli glicemici sono saliti bruscamente dopo aver mangiato pane bianco. Elinav:. “Il nostro obiettivo in questo studio è stato quello di trovare i fattori che stanno alla base delle risposte personali del glucosio nel sangue dal cibo. Abbiamo usato queste informazioni per sviluppare raccomandazioni dietetiche personali che possono aiutare a prevenire e curare l’obesità e il diabete di tipo 2, tra le più gravi epidemie della storia umana .”

Lo studio unico nella sua portata e nella inclusione dell’analisi di microbi intestinali, noti collettivamente come microbioma, che hanno recentemente dimostrato di svolgere un ruolo importante per la salute umana e la malattia. I partecipanti allo studio sono stati equipaggiati con piccoli monitor che continuamente misuravano i loro livelli dello zucchero nel sangue. Sono stati invitati a registrare tutto ciò che mangiavano, così come i fattori legati allo stile di vita, come il sonno e l’attività fisica. Nel complesso, i ricercatori hanno valutato la risposta di diverse persone per più di 46.000 pasti.

Prendendo questi molteplici fattori in considerazione, gli scienziati hanno generato un algoritmo per predire la risposta individuale al cibo basato sullo stile di vita della persona, la composizione e la funzione della sua microbioma. In uno studio di follow-up su altri 100 volontari, l’algoritmo ha previsto con successo l’aumento dello zucchero nel sangue in risposta a cibi diversi, dimostrando che potrebbe essere applicata ad altri e nuovi partecipanti. Gli scienziati sono stati in grado di dimostrare che lo stile di vita importava. Lo stesso cibo influenzava i livelli della glicemia in modo diverso nella stessa persona, a seconda, ad esempio, dal fatto che consumo del cibo fosse preceduto da esercizio o sonno.

Nella fase finale dello studio, gli scienziati hanno progettato un intervento dietetico basato sulla loro algoritmo; questa era una prova della loro capacità di prescrivere raccomandazioni dietetiche personali, per diminuire il livello di glucosio nel sangue in relazione alle risposte al cibo. I volontari sono stati assegnati a una dieta personalizzata “buona” per una settimana, e una dieta “cattiva” – ambiente personalizzate – per un altra. Sia le diete positive che negative sono stati progettate per avere lo stesso numero di calorie, ma differivano tra i partecipanti. Così, alcuni alimenti nella dieta “buono” di una persona erano parte di un altro dieta “cattivo”. Le diete “buone” in effetti hanno contribuito a mantenere la glicemia su livelli sani costantemente, mentre le diete “cattive” spesso hanno indotto i picchi dei livelli di glucosio -tutti entro una sola settimana di intervento. Inoltre, mediante le diete “buone”, i volontari hanno sperimentato cambiamenti consistenti nella composizione dei microbi intestinali, suggerendo che il microbioma può essere influenzato dalle diete personalizzate ma anche giocare un ruolo nella risposta dello zucchero nel sangue dei partecipanti.

Fornito da Istituto Weizmann