Ricerca

i batteri intestinali sono influenzati dai farmaci antidiabetici

Adv

pillole

La maggior parte dei circa 100.000 miliardi di batteri che vivono in clandestinità nel nostro intestino – la flora intestinale – sono difficili da coltivare con metodi tradizionali, perché non tollerano l’ossigeno atmosferico. Negli ultimi pochi anni, una nuova ricerca basata su tecnologia genetica e bioinformatica avanzate ha consentito di analizzare la composizione e la funzione dei batteri intestinali dal loro DNA. I batteri producono diversi tipi di sostanze che influenzano la nostra fisiologia e la salute in molti modi.

Nel campo della ricerca sulle malattie, i cambiamenti nella composizione e funzione della complessa comunità batterica intestinale – i cosiddetti dysbioses – sono stati messi a fuoco. E’, tuttavia, una debolezza degli studi sta nel non aver preso in considerazione i potenziali effetti dei farmaci sui batteri intestinali dei pazienti da parte dei ricercatori.

Per questo motivo, non è possibile determinare quali disbiosi è associata con malattie specifiche e come cambia l’associazione dei batteri intestinali con il trattamento medico. Allo stesso tempo, i risultati della ricerca collidono coi batteri intestinali riportati per la stessa malattia. Potrebbe essere dovuto al fatto che l’effetto dei farmaci sulla composizione e la funzione della flora intestinale non è stato presa in considerazione.

La metformina rende i batteri intestinali produttori di acidi grassi

Ricercatori europei e cinesi del consorzio MetaHIT finanziato dall’UE hanno studiato le comunità batterica intestinale dei danesi, svedesi e cinesi con diabete di tipo 2, nonché da individui sani; per un totale di 784 persone oggetto di studio. Lo scopo di questi studi è stato volto ad analizzare gli stati separati dei cambiamenti nella  flora intestinale associati al morbo e le modifiche che possono essere associate con l’assunzione di alcuni tipi di farmaci. I risultati sono stati recentemente pubblicati sulla prestigiosa rivista internazionale Nature.

Lo studio dimostra che il farmaco più utilizzato per il trattamento degli elevati livelli di glucosio nel sangue, la metformina, provoca cambiamenti positivi nella flora intestinale nei pazienti con diabete di tipo 2. Questo aumenta la capacità dei batteri di produrre determinati tipi di acidi grassi a catena corta, come l’acido butirrico ed acido propionico. Questi acidi grassi possono ridurre i livelli del glucosio nel sangue in modi diversi. La metformina è, tuttavia, nota anche per avere effetti negativi sul tratto gastrointestinale, per esempio aumento del   gonfiore e flatulenza. Lo studio ha fornito ai ricercatori una possibile spiegazione, poiché i pazienti trattati con metformina hanno più batteri coliformi nei loro intestini, e può essere una delle cause degli inconvenienti.

“Non siamo stati in grado di dimostrare che altri tipi di farmaci antidiabetici non hanno avuto alcun impatto effettivo sul microbiota intestinale. Studiando i diabetici di tipo 2 in trattamento con metformina, abbiamo scoperto il fatto però che essi – a prescindere dal paese di residenza: Danimarca, Cina e Svezia – hanno avuto meno batteri produttori di acidi grassi a catena corta promotori della salute metabolica e se la mancanza di certe combinazioni di acidi grassi specie da produzione batterica intestinale è uno dei fattori che contribuiscono al diabete di tipo 2 è attualmente in fase di studio. “dice il professor Oluf Borbye Pedersen dalla Fondazione Centro Novo Nordisk per la ricerca sul metabolismo basale  presso l’Università di Copenhagen, che è l’autore maggiore della relazione su  Nature.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: