Complicanze varie/eventuali

IOF sollecita valutazione precoce del rischio di frattura nei diabetici tipo 1 fin dall’infanzia

Nonostante sia maggiore il rischio di fratture fino a sei volte nei pazienti con diabete mellito tipo 1 (DM1), il rapporto tra diabete e osteoporosi, fino a poco tempo, soffriva di una generale mancanza di attenzione e di ricerca da parte dei medici e scienziati. Di conseguenza, gli operatori sanitari che trattano i pazienti diabetici spesso non riconoscono le fratture da fragilità come una delle principali complicanze della malattia.
Al fine di promuovere la comprensione dei più recenti progressi e incoraggiare la valutazione precoce del rischio di frattura, la International Osteoporosis Foundation (IOF) gruppo di lavoro scientifico Bone and Diabetes ha ora pubblicato una recensione succinta che fornisce agli endocrinologi informazioni preziose in materia di rischio di frattura nei pazienti con diabete tipo 1.
Il prof. Serge Ferrari, presidente della IOF Bone e gruppo di lavoro sul Diabete e professore presso Geneva University Hospital, in Svizzera ha dichiarato: “Anche se sono necessari ulteriori studi, i ricercatori hanno recentemente fatto progressi incoraggianti nel chiarire il complesso rapporto tra l’osso e il diabete. I risultati sottolineano la necessità di una valutazione precoce e le strategie di prevenzione della frattura “.
Pubblicato nella European Journal of Endocrinology, la rivista riassume le più recenti conoscenze in merito all’intreccio osteoporosi e diabete tipo 1:
Epidemiologia del rischio di fratture nei pazienti diabetici
Basi quantitative e strutturali di fragilità ossea
Turnover osseo e il continua processo di perdita di massa ossea e sostituzione
Meccanismi cellulari e molecolari della malattia ossea diabetica
Valutazione e gestione della fragilità ossea nel diabete tipo 1
Il rischio di frattura più alto nei pazienti con T1DM non è solo a causa della diminuzione della densità minerale ossea, ma anche dovuto ad alterazioni nella qualità dell’osso. Recenti studi clinici indicano la formazione osteoblastica ossea ridotta, con o senza aumento di riassorbimento osseo. Il deficit di insulina sembra anche essere un importante meccanismo fisiopatologico coinvolto, insieme ad altre alterazioni metaboliche che possono tutte svolgere un ruolo nel modificare il turnover osseo e la qualità dell’osso.
Siccome l’insorgenza del diabete tipo 1 si verifica spesso durante l’infanzia, la valutazione e la gestione della salute delle ossa nei giovani è di particolare interesse. Misure generali per prevenire l’osteoporosi nei bambini con insorgenza precoce del diabete includono una dieta equilibrata con un adeguato apporto di calcio e vitamina D e, in particolare, sufficiente attività fisica. Aumentando l’esercizio con pesi in bambini con diabete così come un buon controllo glicemico sembra fornire un certo miglioramento nei parametri delle ossa.
Il prof. Ferrari ha aggiunto: “Come fratture da fragilità sono una delle principali complicanze del diabete, il rischio di frattura dovrebbe essere adeguatamente valutato in pazienti affetti da questo disturbo. La ricerca è urgente sui benefici e i rischi della terapia dell’osteoporosi così come finora nessuno degli agenti anti osteoporosi sono stati testati per la loro efficacia anti-frattura in soggetti con T1DM. Questo è un motivo in più per gli operatori sanitari di concentrarsi sulla valutazione precoce e altre strategie di prevenzione delle fratture nelle loro pazienti. “