Ricerca

I giovani si rivolgono ai social media per consigli su come gestire le rispettive condizioni di salute

youngpeopletI social media sono ormai una fonte fondamentale di informazioni per molti giovani adulti con malattie croniche, secondo quanto risulta da nuovo studio condotto dai ricercatori dell’Università di Glasgow ha trovato.
Il loro articolo pubblicato oggi nella rivista Health Expectations, esamina il ruolo dei social media nelle esperienze di ricerca di informazioni sanitarie on-line dei giovani.
Mentre è noto che informarsi col  ‘googling’ è una pratica comune per molte persone con un problema di salute, spesso prima di consultare un medico o un infermiere, alcuni giovani adulti ora vedono anche internet e le informazioni condivise attraverso le reti di social media come un luogo per farsi un giro quando devono gestire  loro condizione.
Lo studio, che ha intervistato quaranta giovani adulti di età compresa tra i 18 e i 30 anni con esperienza di diabete o problemi di salute mentale comuni (come la depressione o ansia), ha rilevato che il consumo di contenuti relativi alla salute attraverso i canali dei social media come Facebook e i forum  on-line ha sostenuto la loro conoscenza e comprensione della condizione.
Il dr. Gillian Fergie, dall’unità MRC / CSO  presso l’Università di  Glasgow, ha detto: “In questo studio i giovani adulti hanno semplicemente dato per scontato che ‘andare online’ sarebbe il mezzo principale di accesso alle informazioni relative alla salute. Mentre la precedente ricerca ha messo in evidenza come i motori di ricerca erano il ponte guida primario di informazioni sanitarie pertinenti, ciò che questo studio ha rilevato è come ora molti giovani adulti usano troppo anche i collegamenti e le raccomandazioni da dentro le reti sociali.
“Discutono molto e attivamente senza sforzo negoziale tra contenuti prodotti professionalmente, come volantini ufficiali o linee guida mediche e contenuti generati dagli utenti online, che potrebbero includere fattori personali e non comprovati. Molti hanno detto di usare i social media per farsi un’idea sulle esperienze fatte con una malattia simile da altre persone e informarsi per le proprie strategie sulla gestione della salute. ”
I giovani adulti con diabete o l’esperienza di problemi di salute mentale sono tra i principali utilizzatori di questi canali e hanno una maggiore  probabilità di cercare continuamente informazioni sanitarie on-line e attraverso i social media.
I partecipanti allo studio descritti cercare informazioni sanitarie on-line per una serie di motivi, tra cui l’accertamento dei fatti. Tuttavia, per molti dei giovani adulti che hanno preso parte allo studio, alla ricerca di informazioni sulla salute on line è stato anche un modo per sentirsi meno isolati e trovare sostegno emotivo da parte di persone che hanno gli  problemi stessi, o simili di salute.
Parlando delle loro esperienze:
Una giovane donna con diabete ha detto: “Le organizzazioni, non sono le persone queste hanno in realtà a che fare con il diabete giorno per giorno, l’onere passa attraverso la condivisione tra le pagine di diabetici in Facebook: sono buone … perché mi fanno sapere dell’esistenza di altre persone con  la mia stessa condizione “.