Mangiare

I batteri nocivi possono sopravvivere nei cracker panini, biscotti per mesi

harmfulbacteI ricercatori dell’Università della Georgia hanno scoperto che gli agenti patogeni come la salmonella possono sopravvivere per almeno sei mesi in biscotti e cracker. Il recente studio è stato richiesto da un aumento del numero di focolai di malattie di origine alimentare legati all’attività di bassa marea, carenza alimentare.

Pubblicità

Larry Beuchat, Distinguished Professor Emerito e ricercatore nel Collegio di Scienze Agrarie e Ambientali dell’UGA, ha condotto uno studio per vedere quanto tempo i batteri che causano malattie a trasmissione alimentare possono sopravvivere in alcuni alimenti.

“Ci sono stati un numero maggiore di focolai di malattie associate con il consumo di alimenti secchi contaminati. Non ci aspettavamo la crescita della salmonella in alimenti un ambiente molto secco”, ha detto Beuchat, che lavora nel Centro per la sicurezza alimentare nel campus UGA a Griffin.

David Mann e Beuchat  coautori dello studio, hanno scoperto che non solo i batteri nocivi possono sopravvivere negli alimenti secchi, come biscotti, cracker e panini, ma riescono anche a vivere per lunghi periodi di tempo.

Per lo studio, recentemente pubblicato sul Journal of Food Protection, i ricercatori hanno usato cinque diversi sierotipi di salmonella isolati da alimenti coinvolti in precedenti epidemie di origine alimentare. “Gli isolati erano alimenti a bassissimo contenuto di umidità”, ha detto Beuchat.

Concentrandosi su biscotti, cracker e panini, i ricercatori hanno messo la salmonella in quattro tipi di otturazioni trovati in biscotti o cracker in deposito. I ricercatori hanno utilizzato formaggi e burro di arachidi per i panini ripieni di cracker e cioccolato e vaniglia in per i biscotti.

Questi “sono il genere che troviamo nei negozi di alimentari o distributori automatici”, Beuchat, ha detto.

Dopo la memorizzazione, gli scienziati dell’UGA hanno determinato da quanto tempo la salmonella è stata in grado di sopravvivere in ogni riempimento. C’era sopravvivenza in tutti i tipi Beuchat ha detto, ma è sopravvissuta più a lungo in alcuni tipi di otturazioni che in altre.

In alcuni casi, il patogeno è stato in grado di sopravvivere per almeno sei mesi nei panini.

“Questo non era previsto”, ha detto.

La capacità degli agenti patogeni di sopravvivere fa considerare ai ricercatori la necessità di prevenire la contaminazione e le epidemie che possono causare.

“I prossimi passi saranno quelli di testare tutti gli ingredienti utilizzati in questi alimenti”, Beuchat, ha detto. Se c’è una possibilità che patogeni siano presenti in ingredienti specifici, allora il passo successivo sarebbe quello di fermare l’uso di tali ingredienti.

Pubblicità