Batticuore

Trattare la pressione del sangue ‘normale’ per salvare vite umane, uno studio sollecita

Attacco cardiacoMilioni di vite potrebbero essere salvate con un adeguato trattamento terapeutico e farmaci per far abbassare la pressione del sangue nei riguardi delle persone a rischio di infarto e ictus, anche se questa è normale, i ricercatori hanno detto oggi pubblicando i risultati di uno studio molto approfondito sulla rivista della American Heart Association Hypertension.

Pubblicità

Sulla base di un’analisi su 123 studi clinici che hanno coinvolto più di 600.000 persone lungo un arco di tempo di due decenni, il team ha chiesto una revisione urgente delle linee guida di trattamento esistenti.

“I nostri risultati mostrano chiaramente che il trattamento della pressione sanguigna è collocato ad un livello inferiore a quello attualmente raccomandato per cercare di ridurre notevolmente l’incidenza delle malattie cardiovascolari,” ha detto l’autore dello studio Kazem Rahimi dell’Università di Oxford.

Ciò potrebbe “potenzialmente salvare milioni di vite.”

La pressione sanguigna è registrata con due numeri, scritti come rapporto, ad esempio 140/90 mmHg (millimetri di mercurio dell’unità pressione sanguigna).

La pressione “sistolica è alta” all’interno delle arterie quando il cuore batte, e l’altra la pressione “diastolica” è nel periodo di rilassamento del cuore tra due contrazioni muscolari, quando il cuore è a riposo e ricarica il sangue.

Secondo l’American Heart Association, una pressione “normale” è inferiore a 120/80, e diventa alta sopra 140/90.

Lo studio ha trovato che ogni riduzione di 10 mmHg della pressione sistolica riduce il rischio di attacco di cuore di circa un quinto, di ictus e scompenso cardiaco di circa un quarto, e il rischio di morte per qualsiasi causa del 13 per cento.

“È importante sottolineare che queste riduzioni di malore sono simili in una vasta gamma di pazienti ad alto rischio … indipendentemente dal fatto che la loro pressione sanguigna sia già bassa (meno di 130 mmHg) tanto per cominciare”, scrivono.

Le persone ad alto rischio sono quelle con una storia di cuore o di malattia delle arterie, ictus, diabete o insufficienza cardiaca.

I ricercatori hanno sollecitato una revisione delle linee guida sulla pressione sanguigna, compresi quelli della Società Europea di Ipertensione, che recentemente ha rilasciato il suo livello di raxccomandazione  del trattamento per i pazienti ad alto rischio da 130 a 140mmHg di pressione sistolica.

E’ relativo

“I nostri risultati forniscono un forte sostegno per ridurre la pressione sanguigna arteriosa sistolica inferiore a 130 mmHg”, ha scritto il team.

La pressione alta è la principale causa di malattie cardiache e ictus, hanno detto gli autori dello studio, che colpisce più di un miliardo di persone in tutto il mondo e ne uccide circa 9,4 milioni ogni anno.

I vantaggi di abbassare in modo costante la pressione alta sono ben chiari e stabiliti, ma non lo è altrettanto  per le persone con livelli di pressione “normali” le quali potrebbero anche beneficiare del trattamento.

Il cardiologo Tim Chico dell’università di Sheffield, che non è stato coinvolto nello studio, ha sottolineato come i benefici del trattamento per una persona con “normale” pressione sanguigna dipenderebbero da altri fattori di rischio individuali per le malattie cardiache e ictus.

“Per esempio, se sei già ha un basso rischio, ridurre questo del 20 per cento, non è poi così importante, e probabilmente non è neanche conveniente o desiderabile”, ha detto via Media Science Centre.

“Tuttavia, se si è ad alto rischio (esempio, uno ha già malattie cardiovascolari, il diabete o fuma), una riduzione del 20 per cento del pericolo fa una grande differenza e salva molte vite.”

Pubblicità